vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Corale "Warm up", presentato il cd "Un motivo in più"

Più informazioni su

VASTO – Si chiama Un motivo in più in primo cd realizzato dalla corale di musica leggera Warm Up. La presentazione di questo progetto, composto da 16 cover interpretate dai solisti e dai coristi della Warm Up, avviene sulla terrazza del Lido San Giorgio, con mare e cielo a fare da cornice.

“Sin dal nostro primo concerto, nel 2008, abbiamo devoluto ogni compenso in beneficenza. Anche questa volta, il ricavato della vendita dei cd sarà interamente devoluto alle Case Famiglia di Vasto, Manuela e Genova Rulli”. Sono le parole di Sandro Bronzo, ideatore e maestro del coro, che oggi, in questa occasione importante, si lascia scappare anche qualche lacrima d’emozione.

Intorno a lui tutti i coristi, le più giovani, Eugenia, Giuditta e Fabiana, hanno appena 10 anni, ma tanta energia e passione per il canto. Poi ci sono i due talenti in erba, Michael Zappitelli e Alberta Stampone, che nelle ultime settimane si sono rivelati per la loro bella voce e che, assicura il maestro “sapranno fasi strada nella musica”.

“Questo progetto nasce da lontano -spiega Loredana Lammanda -e vogliamo, in questa occasione, ringraziare tutte le persone che durante il nostro percorso hanno fatto parte della corale Warm Up”.

“E’ davvero un bel giorno per tutti noi -continua Sandro Bronzo-, perchè mettiamo davvero il cuore in ciò che facciamo. La musica è una bellissima passione e noi la viviamo con lo scopo di poter aiutare chi soffre. Voglio ringraziare chi ci ha supportato in questo lavoro, il Comune che ci offre la possibilità di esibirci in diverse manifestazioni e la direzione didattica del III Circolo, che ci ha prestato i locali per realizzare il cd.

Un grazie speciale all’associazione Un Buco nel tetto, nelle persone di Roberto Colanzi e Luciana Salvatorelli, con cui collaboriamo da tanto e che saranno i nostri tramiti per donare il ricavato del cd. Per poterlo acqusitare è possibile mettersi in contatto con noi, attraverso il nostro sito (clicca qui), o rivolgersi a Barone Dischi, in piazza”.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su