vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Denso, cala la produzione: 11 giorni di Cassa integrazione

Più informazioni su

SAN SALVO – Undici giorni di cassa integrazione ordinaria alla Denso di San Salvo. Li ha annunciati la dirigenza della multinazionale giapponese che produce componenti per auto: 5 giorni a settembre e 6 a ottobre.

Si è svolto ieri, nella sede dell’associazione industriali di Vasto, il confronto tra la proprietà e Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Fismic ed Rsu.

“Nel corso della riunione la Direzione Aziendale ci ha comunicato la necessità del ricorso alla Cassa integrazione guadagni ordinaria per i mesi di settembre ed ottobre 2011”, si legge in un comunicato della rappresentanza sindacale unitaria della Denso.
“Il ricorso alla Cigo si rende purtroppo necessario perché siamo di fronte ad una consistente riduzione delle nostre commesse, dovute ai forti tagli rispetto alle previsioni da parte dei nostri clienti, con evidenti ricadute in negativo sui nostri volumi produttivi. Per ciò che riguarda settembre, la cassa sarà effettuata nell’ultima settimana del mese  a partire da lunedì 26 a venerdì 30.
Riguarderà tutte le lavorazioni ad eccezione di alternatori, montaggio e sottogruppi, che lavoreranno lunedì 26 settembre, e la Procma ed il Condizionato, che lavoreranno lunedì 26 e martedì 27 settembre.
Nel contempo, negli ultimi giorni di settembre, è previsto l’effettuazione del secondo inventario dell’anno fiscale come richiesto dalla casa madre, e molti lavoratori saranno comandati a lavorare”.

Da stabilire nelle prossime riunioni numero di lavoratori e unità produittive che si fermeranno a ottobre “nell’ultima settimana del mese, a partire da lunedì 24 a venerdì 28 e lunedì 31”.

I sindacati si dicono “preoccupati di questa situazione e delle previsioni produttive del prossimo futuro”, chiedendo alla direzione aziendale “di essere molto attenta nella gestione pratica cercando il più possibile di ridividere i sacrifici tra tutti i lavoratori e non creando sacche di privilegio.
Nel contempo chiediamo a tutti i lavoratori di respingere con fermezza ogni possibile pressione o intimidazione messa in atto da parte di qualsiasi struttura aziendale, nell’ottica di intimorire i lavoratori per poterli adoperare a proprio piacimento e volontà.
Su questo la Rsu risponderà con durezza ed estrema fermezza contro questi atteggiamenti illegittimi, arrogati ed inopportuni”.

Su richiesta dei rappresentanti degli operai, è stato convocato per lunedì 12 settembre un confronto a tre sindacati-Denso-Compass Group Italia spa”, la società che gestisce il servizio mensa nella fabbrica.

Le tute blu si sono lamentate per “un evidente decadimento della qualità del pasto”, causato da “cambi di menù e prodotti non concordati con la Rappresentanza sindacale unitaria. Vogliamo solo ricordare a chi di dovere che i lavoratori e le lavoratrici di questo stabilimento hanno accettato l’incremento del proprio contributo” da versare “a fronte di un miglioramento della qualità e del servizio della mensa ed ad oggi nulla è stato fatto”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su