vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Confesercenti: "Sul Parco la Provincia fa confusione"

Più informazioni su

VASTO – “Come l’assessore regionale Mauro Febbo, ora anche l’assessore al turismo della Provincia di Chieti Remo Di Martino sta generando ulteriore confusione nelle discussioni sul Parco della Costa Teatina: sui giornali parla dello studio di fattibilità della Costa dei Trabocchi come progetto alternativo al Parco, quando è un protocollo d’intesa fortemente voluto dalle associazioni di categoria e dalla Camera di Commercio di Chieti, che ha individuato nella realizzazione di uno specifico Studio di fattibilità un metodo condiviso”.

Lo sostiene il Dipartimento turismo della Confesercenti provinciale di Chieti, con il presidente Panfilo Tascione ed il direttore Simone Lembo. “Partendo dalle analisi sullo scenario di riferimento, sulla domanda turistica, attuale e potenziale, sull’offerta, sui bisogni e sulle istanze globali e locali” ricordano Tascione e Lembo, “quello studio era incaricato di proporre indicazioni concrete sull’effettivo sviluppo e organizzazione turistica della destinazione ‘Costa dei Trabocchi’, con degli specifici prodotti turistici da proporre. Inoltre lo studio di fattibilità, nei suoi documenti di presentazione, parte proprio dal patrimonio naturale/culturale che potrebbe diventare il volano economico e turistico dell’intero territorio, parlando proprio dell’istituzione del Parco della Costa Teatina”.

Negli incontri del tavolo che ha elaborato lo studio, “al quale ha quasi sempre partecipato il Presidente della Provincia Di Giuseppantonio”, ricordano il presidente e il direttore del Dipartimento turismo di Confesercenti Chieti, “lo stesso Presidente non ha mai parlato dello Studio come progetto alternativo al Parco. Se la Provincia di Chieti adesso vuole usare questo strumento contro il Parco, la Confesercenti è pronta a lasciare il Protocollo d’Intesa sottoscritto con la Provincia e gli altri sottoscrittori, e continuare ad attivarsi per lo sviluppo turistico della nostra provincia e del nostro territorio. Chi è contro il Parco è contro lo sviluppo del turismo”.

Più informazioni su