vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Piscina, su contratti e tariffe la protesta dei dipendenti

Più informazioni su

VASTO – Torna a protestare il personale della piscina comunale di Vasto. Nel mirino della cooperativa Co.Me.Te, che gestiva lo stadio del nuoto di via Conti Ricci, ora affidato alla Sport Management di Verona dopo la gara d’appalto, finiscono i contratti dei dipendenti e le tariffe al pubblico.

Per queste ultime, la Co.Me.Te. calcola che, rispetto alla sua gestione, ora sono previsti rincari dai 18 ai 36 euro per gli utenti nel periodo compreso tra settembre e dicembre. “Anche nel settore fitness ci sono differenze di tariffe per l’acquagym e l’idrobike”.

“Ho fatto eseguire al settore Sport del municipio una comparazione delle tariffe”, afferma Vincenzo Sputore. “In base alla relazione stilata dagli uffici municipali su mia richiesta, non ci sono stati aumenti: nel 2010 si pagavano 120 euro più 15 di iscrizione per 20 lezioni, quest’anno 144 euro complessivi per 24 lezioni”. Lo scontro amministrazione-istruttori rimane aperto.

Ma nel mirino dei dipendenti ci sono anche i contratti di lavoro: “Sono scomparsi – dice Co.Me-Te. – i versamenti da parte del datore di lavoro all’Inps, di conseguenza anche le tutele quali malattia, maternità, degenza ospedaliera, disoccupazione ed infortunio. Inoltre la remunerazione lo scorso anno era a lezione, con il nuovo gestore diventa ad ora, riducendosi in maniera considerevole.
Rivolgiamo un invito alle forze di sinistra presenti in maggioranza a far sentire la loro voce. All’assessore consigliamo di invitare al prossimo incontro con la Sport Management anche i lavoratori della piscina, almeno i più anziani in servizio in modo da sciogliere tutti i dubbi”.      

“Venerdì scorso –  dichiara Sputore – ho provveduto a far inviare alla Sport Management – un fax in cui si ricordava il punto numero 3 del bando di affidamento in concessione, che prevede l’utilizzo di personale non inferiore alle 30 unità, alle stesse condizioni economiche e normative oppure, qualora questo non fosse stato più possibile a causa del mutare delle regole previste dalle leggi che disciplinano la materia, a provvedere all’applicazione di quanto previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro.
L’amministrazione comunale vigila sul rispetto del bando e della convenzione e si sta adoperando per la tutela dei lavoratori”. 

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su