vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Progetto Comenius, domani convegno: "Dislessia, che fare?"

Più informazioni su

VASTO – La città di Vasto sta ospitando in questi giorni le delegazioni di Spagna, Portogallo e Irlanda del Nord, che partecipano al progetto Europeo Comenius sulla dislessia, realizzato dal 1° Circolo Didattico di Vasto, in qualità di Scuola capofila.

I progetti Europei Comenius sono la via operativa per l’attuazione degli accordi di Bologna e del protocollo di Dublino sull’armonizzazione ed integrazione della formazione scolastica in Europa, perché mettono in contatto gruppi di operatori della scuola di diverse nazioni.

A conclusione di tre giorni di lavoro, domani, 10 novembre, alle ore 16.30, presso l’Aula magna del Liceo Scientifico Mattioli, si terrà il  convegno “Dislessia! Che fare?”.

“Sarà un’importante occasione -spiega il dirigente scolastico Rocco Di Scipio-  per parlare della dislessia a 360° e sviscerare un tema profondamente sentito da genitori ed insegnanti. Ogni delegazione illustrerà le modalità e le strategie d’intervento per supportare i bambini dislessici presenti nelle proprie scuole”.

Il progetto ha durata biennale e si pone l’obiettivo di capire e supportare i bambini con sospetta dislessia nella prima fase della Scuola Primaria. Il progetto  prevede la realizzazione di una guida per docenti, una per genitori, la stesura di un Piano Didattico Personalizzato (qualora sia stata certificata la dislessia) e di una  scheda di passaggio dalla Scuola dell’infanzia alla Primaria.

“Inoltre – si legge nella nota di presentazione- poiché in diverse scuole del nostro territorio sono operanti progetti sulla stessa problematica, si è ritenuto opportuno invitare al convegno tutte le istituzioni scolastiche presenti nel territorio”.
Con l’occasione, si cercherà di costituire una rete di scuole per:
• favorire una specifica formazione dei docenti;
• favorire il confronto fra docenti;
• aiutare i genitori ad approcciarsi meglio alle problematiche e vivere un rapporto più sereno con i figli con DSA.

“Devo ringraziare in modo particolare – commenta Di Scipio- gli insegnanti Rachele Giammario (referente del progetto), Josè Sergio Santoro, Luciana Salice, Silvana Della Penna, Pina Colangelo, Ilaria De Donato, Nicola Daloia e Orlando Ionata, per l’impegno e la professionalità manifestate nella realizzazione del progetto e nell’organizzazione del convegno.

Oltre agli insegnanti un particolare riconoscimento va alla Dott.ssa Maria Pia Di Carlo, Dirigente Scolastico del 3° Circolo che, nello scorso anno scolastico, ha gettato i semi per la realizzazione del progetto”.

Più informazioni su