vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Della Porta: "Centrale a biomasse: fatela in Val Sinello"

Più informazioni su

VASTO – Stop a nuove fabbriche a Punta Penna. “Quella deve essere una zona a sviluppo turistico”. Il no alla centrale termoelettrica a biomasse liquide arriva da Mario Della Porta, candidato sindaco del centrodestra alle elezioni del maggio scorso.

“E’ una posizione – sottolinea l’ex magistrato – che avevo espresso anche in campagna elettorale. Non sono favorevole a queste forme d’insediamento a Punta Penna perché quell’area deve essere destinata allo sviluppo turistico. Se andiamo a vedere la situazione attuale, notiamo che l’85% delle attività è di tipo commerciale o artigianale. Sono poche le industrie nel senso tradizionale del termine. Non è il caso di aumentarle. Anzi, i nuovi insediamenti vanno spostati in Val Sinello”.

Della Porta, però, frena sulla delocalizzazione delle aziende che già esistono: “Sarebbe difficile prevedere un loro spostamento. Quello che bisogna fare è non incrementare. La centrale a biomasse? Da quello che so, la procedura seguita è stata legittima. Ma legittimo non vuol dire buono. Credo che con la società” Istonia Energy, che ha ottenuto l’autorizzazione a costruire la centrale, “si debba fare un ragionamento chiaro e dire: Qui incontrerete molta contrarietà, volete prendere in considerazione un altro sito per realizzare il vostro impianto? Credo che il Comune debba prendere una posizione ben precisa: fare una variante al Piano regolatore in cui si preveda una nuova zona di espansione industriale, bloccando gli insediamenti a Punta Penna, dove coesistono un’area abitativa, anche questa frutto di una discutibile scelta del passato, una bellissima spiaggia, attività di ristorazione e, nelle vicinanze, una riserva naturale. Non sono contrario alle biomasse, ma non vanno fatte a Punta Penna”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su