vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Biomasse, prima udienza al Tar: la sentenza il 22 marzo

Più informazioni su

VASTO – Il giorno in cui si saprà il destino della centrale termoelettrica a biomasse di Punta Penna è il 22 marzo 2012. Lo ha deciso stamani il Tribunale amministrativo regionale di Pescara nella prima udienza sul ricorso presentato dal Wwf per annullare l’autorizzazione rilasciata dalla Regione Abruzzo col parere favorevole del Comune di Vasto alla Istonia Energy. E’ la società che ha intenzione di realizzare un impianto in grado di produrre corrente elettrica bruciando olio vegetale in un terreno assegnatole dal Consorzio industriale in via don Pino Puglisi, nel nucleo produttivo di Punta Penna, ma a 180 metri dalla riserva naturale di Punta Aderci e dentro il perimetro del futuro Parco della Costa teatina.

Nel corso dell’udienza, i ricorrenti hanno rinunciato alla richiesta di sospensiva, in mancanza della quale i lavori nel cantiere già recintato nei giorni scorsi potrebbero partire, salvo poi rischiare lo stop, nel caso in cui il ricorso degli ambientalisti venisse accolto. I legali che hanno presentato l’istanza, Vittorio Emanuele Russo e Maria Grazia Mancini, hanno chiesto ai giudizi amministrativi di giungere direttamente alla decisione di merito, quella sul sì o no all’autorizzazione.

L’avvocato della società, Diego De Carolis, ha sostenuto la necessità di tempi rapidi per giungere alla sentenza, adducendo motivi legati agli investimenti economici in ballo. Si tornerà in aula il 22 marzo prossimo. Lo ha deciso il giudice relatore in considerazione della mole di lavoro che il Tar deve ancora smaltire fino ha quella data.

Il Comune di Vasto non ha preso parte attiva al dibattimento dinanzi al Tar.

Più informazioni su