vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Operazione antidroga tra Pescara, San Severo e Vasto

Più informazioni su

VASTO – Cinque arresti e quattro obblighi dimora. Tredici pusher arrestati. E’ il bilancio di un’inchiesta antidroga condotta dai carabinieri di Popoli insieme ai loro colleghi di Pescara, Vasto e San Severo. I militari dell’Arma hanno sequestrato due chili di eroina e 100 grammi di hashish.

In base ai risultati dell’operazione Laguna, il traffico di eroina seguiva la direttrice Bari-Pescara, con San Severo come punto di smistamento. Pescara sarebbe stato il luogo di rifornimento, ma anche di smercio al dettaglio.

Stamani il blitz dei carabinieri su ordinanze di custodia cautelare firmate dal Gip di Pescara, Luca De Ninis, su richiesta del pm, Gennaro Varone. Gli arrestati sono: Fabio Ippoliti, 35 anni di Pescara; Antonio Carota (46), nato a Caserta e residente a Pescara; Angelo Cirelli (45) di Campobasso; Gianni Vernucci (39) e Anna Rita Zaccaria (44), entrambi di San Severo. I destinatari degli obblighi di dimora sono: Danilo Santilli (20) di Sulmona; Jonathan Toppi (23) di Popoli; Ludovico Sticca (21) di Popoli e Licia Torsellini (41) di Pescara. In una conferenza stampa tenutasi presso il Comando provinciale di Pescara sono stati illustrati i particolari dell’operazione, coordinata dal capitano Pasquale Del Giudice, comandante della Compagnia di Popoli. Le indagini – Nell’inchiesta conclusa nei giorni scorsi, i carabinieri sono riusciti ad individuare e stroncare un traffico di eroina che aveva come base Bari e in particolare Torre a Mare, dove Maria Calabrese (54), vendeva eroina ai coniugi Gianni Vernucci e Anna Rita Zaccaria che da San Severo, andavano a smistare e vendere gli stupefacenti a Pescara e provincia, e in particolare nell’alta Val Pescara, dove i referenti e gestori del giro di droga erano Antonio Carota e Angelo Cirelli per il capoluogo e Danilo Santilli per la zona di Popoli. Gli indagati utilizzavano un linguaggio in codice per comunicare evitando di essere scoperti tramite intercettazioni telefoniche. Vasto – Le indagini sono partite quattro mesi fa. I carabinieri della Compagnia di Vasto hanno offerto ai loro colleghi pescaresi un supporto operativo nelle indagini. Gli uomini del capitano Giuseppe Loschiavo sono stati impegnati in pedinamenti e acquisizione di informazioni. Elementi risultati utili al blitz finale scattato oggi.

Più informazioni su