vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Chiusura scuole professionali, oggi i genitori s'incatenano

Più informazioni su

VASTO – Oggi i genitori si incateneranno davanti al municipio. Appuntamento alle 9 in piazza Barbacani, dove diventerà plateale la protesta iniziata a settembre 2011, nei giorni in cui l’attenzione degli organi d’informazione di tutta Italia era puntata su Vasto per la festa nazionale dell’Italia dei valori.  “Centosettanta ragazzi sono a spasso. Attendono di potersi veder riconosciuto dalla Regione Abruzzo il loro sacrosanto diritto allo studio”.

E’ agguerrita Patrizia De Rosa, che guida la protesta delle mamme di 170 alunni esclusi dai corsi professionali. Quest’anno rimarranno chiuse le due scuole di Vasto  in cui migliaia di ragazzi hanno imparato un mestiere: il San Gabriele e l’Istituto salesiano non hanno ottenuto i fondi che il Governo regionale ha stanziato per la formazione. Pochi soldi, molte scuole che hanno partecipato alla gara. Risultato: Vasto e i suoi studenti rimarranno con un pugno di mosche. 

Stamani i manifestanti si legheranno con le catene, simbolo di un diritto negato. Paradigma dell’impossibilità di fare una delle cose più importanti per ogni famiglia: mandare i propri figli a scuola. “Due settimane fa abbiamo incontrato l’assessore regionale alla Formazione professionale, Paolo Gatti”, racconta la De Rosa. “Ci ha spiegato le motivazioni dell’esclusione dei due istituti professionali di Vasto. Non è giusto tagliar fuori dal mondo dell’istruzione 170 giovani, che ora sono a spasso. Io ho una figlia che non ha ancora compiuto 16 anni. Non voglio portarla fuori città perché qui ci sono strutture in grado di educare e formare i giovani. Sono scuole che non devono essere lasciate morire. Invece, se ne stanno fregando tutti. Alla manifestazione ci aspettiamo anche la partecipazione di qualche politico”.

“La Regione ha fatto un grosso errore: avrebbe dovuto ripartire i fondi tra le città sedi di corso. A Vasto avremmo salvato almeno uno dei due corsi”, commenta Stefano Moretti delol’associazione Azzurro per la libertà.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su