vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Si è insediato ieri il primo Consiglio dell'Unione dei Miracoli

Più informazioni su

CASALBORDINO – Ieri sera presso la sala consiliare del Comune di Casalbordino si è insediato il primo Consiglio dell’Unione dei Miracoli, l’unione dei comuni di Casalbordino, Scerni, Pollutri e Villalfonsina, a coronamento di un percorso avviato più di un anno fa in maniera informale e sancito dall’atto di costituzione dello scorso 29 dicembre.
 
All’apertura dei lavori, il presidente pro-tempore dell’assemblea, il sindaco di Casalbordino Remo Bello, ha dato lettura dei messaggi di auguri inviati dal Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio e del Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio e successivamente ha dato la parola ai sindaci di Scerni, Giuseppe Pomponio, e Villafonsina, Mimmo Budano, che hanno espresso la loro soddisfazione per l’avvio del nuovo ente.
 
Successivamente è stata ratificata la nomina di tutti i componenti del consiglio e si è passati alla votazione del primo Presidente dell’Unione che ha sancito l’elezione all’unanimità del sindaco di Pollutri, Nicola Benedetti.
 
Nel suo discorso di insediamento, il neo-presidente, dopo i ringraziamenti, ha affermato: “Il nostro territorio Unito acquisisce una forza che si riverserà in benefici nei confronti dei Concittadini amministrati”.
Secondo Benedetti, infatti, il territorio dell’Unione, con i suoi 13.187 abitanti, acquisirà  maggiore peso politico  e avrà la forza di chiedere maggiore attenzione alla Provincia e alla Regione .
 
Tra i primi obiettivi dell’Ente ci sarà la condivisione e l’ottimizzazione delle  strutture esistenti e dei servizi evitando così aggravi di spese per i cittadini.
Il Presidente ha anche dato ampio spazio alle prospettive ed alle strategie di sviluppo nel futuro del territorio: “I nostri pregiati prodotti agricoli, legati alla bellezza della nostra terra, al mare, alle riserve e alla cucina dovranno trovare nell’Unione un mezzo per farsi conoscere sempre più e meglio. Gli itinerari religiosi sempre più frequentati, le tradizioni secolari unitamente alle sagre e ai prodotti tipici locali così come i prodotti artigianali e le scuole tecniche di settore, dovranno divenire un volano della nostra economia”.
 
L’Unione, quindi, parte all’insegna della concordia e dello spirito di collaborazione tra tutti i soggetti in campo, che nei prossimi mesi saranno chiamati ad importanti scelte politiche ed amministrative che ci auguriamo possano portare benefici a tutti i cittadini dei quattro comuni.

Più informazioni su