vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Discarica con rifiuti tossici, vigili sequestrano l'area

Più informazioni su

VASTO – Ieri l’ennesima segnalazione da parte di un cittadino che abita nella zona, che ha ricordato come nello spiazzo in località Due Valloni sia presente una discarica abusiva. Un problema noto da tempo e di cui ci siamo già occupati in passato (clicca qui). Ma questa volta a destare particolare preoccupazione, tra la montagna di rifiuti di ogni genere, sono alcuni bidoni che recano l’etichetta di prodotto tossico o nocivo.

In questi casi è necessaria la presenza di un ufficiale sanitario per verificare la pericolosità di tali materiali. Per questo, ieri pomeriggio, gli uomini della Polizia Municipale di Vasto hanno provveduto a mettere l’area sotto sequestro preventivo. Recinzione con nastro biancorosso e cartelli che indicano il provvedimento, in attesa che la procura decida sul da farsi.

Di certo c’è che in questa zona la situazione è veramente critica. C’è di tutto: mobili, residui di lavorazioni edilizie, copertoni, carcasse di elettrodomestici, sacchetti di rifiuti che emanano un odore nauseabondo e i già citati bidoni di latta di cui va accertato l’eventuale contenuto residuo.

Mentre gli agenti della Polizia Municipale stavano recintando l’area è passato uno dei residenti, che abita più a valle. Si è fermato e ha espresso il suo dissenso per la discarica, augurandosi che con questo provvedimento si possa risolvere una volta per tutte la situazione. “Qui è un disastro -ha detto-. Vengono continuamente a scaricare. Anche dalla strada di San Lorenzo, che passa qui sopra. Si fermano e buttano le cose giù. Una volta, mentre andavo in macchina, ho visto un frigorifero piombarmi addosso -racconta-. Non so come non mi abbia colpito”.

Ora, dopo questo provvedimento, bisognerà seguire l’iter che porterà all’accertamento della natura dei rifiuti sospetti e poi alla bonifica dell’area. Poi servirà davvero fare qualcosa affinchè questo scempio non si verifichi nuovamente altrimenti si tornerà al punto di partenza.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su