vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Noi rappresentanti di 100 commercianti cacciati dal sindaco"

Più informazioni su

VASTO – Marco Corvino e Antonio Caruso sono presidenti rispettivamente dei consorzi Vasto in centro e Vivere Vasto Marina.

Cos’è successo in municipio, alla riunione del Tavolo permanente del commercio e del turismo?

“Eravamo stati ufficialmente convocati dal dirigente del settore Commercio del Comune, Luca Mastrangelo. Tramite e-mail, ci era stata inviata una lettera (protocollata col numero 14283) che tra l’altro si conclude con questa dicitura: Firmato, il sindaco: Luciano Lapenna. Eravamo arrivati in municipio per la riunione nella sala del Gonfalone, quando è arrivato il primo cittadino che, senza nemmeno salutarci, ci ha chiesto perché eravamo lì, sostenendo che non eravamo stati convocati. Alludeva al fatto che, secondo lui, non non avremmo avuto diritto a partecipare al Tavolo. In un primo momento, pensavamo si trattasse di uno scherzo. Poi ci è sembrato un incubo. Invece, Lapenna faceva sul serio. Ma è stato smentito dal dirigente: Mastrangelo ha letto tutti i soggetti ammessi a far parte del Tavolo sul commercio e il turismo.
Tra questi, anche i consorzi di via, che noi rappresentiamo. Come rappresentanti abbiamo l’obbligo di garantire agli esercenti iscritti, oltre 150, il nostro impegno nel far sentire la loro voce nelle sedi istituzionali. Siamo sconcertati e delusi per quanto accaduto. E’ la seconda volta che succede. Abbiamo abbandonato la sala del Gonfalone. Ci è stato chiesto di tornare, giustificando il tutto come un semplice sbaglio.

Perché non siete tornati indietro?

“Nei nostri confronti è mancato il rispetto. Il rispetto per le persone, per gente che lavora e rappresenta gratuitamente i propri colleghi. Ci lascia esterrefatti il mancato coordinamento tra gli uffici comunali.
E precisiamo: il tempo è prezioso per tutti. Anche il nostro tempo, non solo quello degli amministratori comunali”.

L’assessore al Commercio, Mario Olivieri, contattato da Vastoweb, ha preferito non replicare.

Commenti – “Non si può pensare di non condividere con i rappresentanti di oltre 150 commercianti la programmazione che li riguarda”, commenta Domenico Molino, consigliere comunale del Pd, lo stesso partito del sindaco. “Bisogna ripristinare le logiche di partecipazione, perché a Vasto – è la frecciata di Molino – il turismo non deve essere solo Punta Aderci”.

micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su