vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Dune in festa", la convenzione Comune-Casa Circondariale

Più informazioni su

VASTO – Una mattinata all’insegna dell’ambiente, con cittadini e diverse associazioni che hanno partecipato a Dune in festa. E’ stata così effetuata la pulizia della pista ciclabile di Vasto Marina e del tratto di dune che la pista attraversa.

La manifestazione è stata anche il momento per la firma della nuova convenzione tra Amministrazione Comunale, rappresentata dal sindaco Luciano Lapenna e dell’assessore Anna Suriani e Casa Circondariale di Vasto, con il direttore Carlo Brunetti.

I detenuti del carcere di Torre Sinello, già dal 2005, con il progetto Marina mia, sono impegnati nella pulizia della spiagge. Un progetto partito da Punta Aderci e che poi ha toccato altri luoghi del litorale vastese. Sicuramente un’attività che ben si inserisce nel progetto di recupero che viene portato avanti dal personale della Casa Circondariale.

“L’accordo firmato questa mattina -spiega Brunetti- è molto importante perchè presenta tre novità rispetto al passato. Innanzitutto i sei detenuti saranno operativi in tutta la città, non solo sulle spiagge. Poi, l’impegno durerà per tutto l’anno, mentre in passato era legato solo ai mesi estivi”.

Anche in altre occasioni i detenuti avevano collaborato ai lavori utili per la città. Ad esempio, durante l’ultima nevicata, un gruppo aveva spalato la neve dalle strade cittadini.

“La convenzione con il Comune – continua Brunetti- riconoscerà ai detenuti una borsa lavoro di 5 euro l’ora e sarà valida per i prossimi 3 anni. Questo progetto vuole essere anche un modo per cercare di far passare l’idea che il carcere non è solo un luogo di sicurezza, ma anche un posto dove il personale e gli educatori sono impegnati a favore di un percorso che porti poi le persone ad un reintegro nella società, una volta usciti”.

Qualche segnale c’è, ” e ha permesso anche a qualcuno di trovare lavoro una volta concluso il suo periodo all’interno del penitenziario vastese”.

Giuseppe Ritucci

Più informazioni su