vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pd, Della Gatta bacchetta i dirigenti: "Sbagliato snobbare Renzi"

Più informazioni su

VASTO – Nicola Della Gatta, vice segretario del Partito democratico di Vasto. A differenza dei segretari locale, provinciale e regionale del Pd, lei ha partecipato all’incontro pubblico di Matteo Renzi a Palazzo D’Avalos. Perché questa scelta diversa rispetto ai dirigenti del suo partito?

“Da iscritto convinto del Pd, mi sembra naturale partecipare a un incontro che vede protagonista un sindaco del mio partito, oltretutto candidato alla guida del centrosinistra”.

Ma i tre segretari, Silvio Paolucci (regionale), Camillo Di Giuseppe (provinciale) e Antonio Del Casale (locale) non c’erano. Paolucci e Del Casale lo hanno fatto in aperta polemica con Renzi e i rottamatori. In vista delle primarie con cui sceglierete il candidato premier vi state già spaccando?

“Non comprendo certe polemiche. Ascoltare un pensiero non vuole dire automaticamente condividerlo. Ma scegliere di snobbarlo a priori è un errore che ho ritenuto di non commettere”.

Alle primarie voterà Bersani o Renzi?

“Farò la mia scelta quando conoscerò i programmi. Ma, per il ruolo che ho, preferisco contribuire a garantire un dibattito sereno all’interno del circolo di Vasto, piuttosto che perdere tempo in discussioni sterili che non fanno bene al mio partito e a Vasto”.

E’ vero che voi dirigenti locali e regionali del Pd non sopportate Renzi?

“Senza giudicarne idee e stile, Renzi è un’opportunità che il Pd non può fare a meno di cogliere: se il mio è, come credo, il partito dell’incontro tra esperienze diverse, allora deve poter essere anche la casa del confronto tra visioni differenti del suo futuro e di quello dell’Italia. Demonizzare Renzi e l’entusiasmo che è capace di generare è un lusso che il Pd non può permettersi”.

Michele D’Annunzio

Più informazioni su