vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

No ai pozzi di petrolio in mare, nasce coordinamento per il no

Più informazioni su

TERMOLI. La proposta di un coordinamento permanente che si riunisca con cadenza settimanale per affrontare la questione delicata delle trivellazioni in mare Adriatico, aperto a deputati, consigli e giunte regionali, amministrazioni provinciali e comuni costieri, oltre che all’intero associazionismo militante.

E’ stata questa la base di discussione avanzata nella riunione aperta alle rappresentanze di Puglia, Abruzzo e Molise dal sindaco di Termoli Di Brino – affiancato dai senatori Astore e Di Giacomo, dall’assessore regionale Velardi e dal ticket provinciale De Mattes-Tramontano – che ha radunato in sala consiliare il chi è istituzionale delle tre regioni, seppur con importanti defezioni, per discutere una linea di difesa comune da attuare contro il rischio delle perforazioni petrolifere nel sottosuolo marino.

In prima linea le associazioni ambientaliste e territoriali del Gargano, con il movimento No Triv e l’amministrazione comunale delle Isole Tremiti – in aula col sindaco Fentini e il presidente del consiglio comunale, oltre al presidente della Riserva Marina Pecorella – la realtà più in pericolo, soprattutto turisticamente, secondo il programma della Petroceltic, la società irlandese a cui il ministro Clini ha concesso l’autorizzazione alle prospezioni geologiche, che hanno annunciato l’organizzazione di una manifestazione pubblica a Manfredonia il prossimo 6 ottobre e non ci penseranno due volte in caso di sordità da parte del governo a marciare anche sulla capitale
Uno spauracchio che si è riproposto a distanza di un anno e mezzo dalla grande mobilitazione popolare del maggio 2011 a Termoli, dove l’indimenticabile Lucio Dalla definì le Tremiti la perla dell’Adriatico.

Snocciolati anche i dati scientifici che fanno del nostro mare un ambiente già fin troppo sfruttato e sulla cui tutela in tempi non sospetti, si mosse anche la delegazione parlamentare molisana.

emanuelebracone@termolionline.it

Più informazioni su