vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

'Fuori Tempo': spettacolo teatrale il 19 a Vasto al Teatro Rossetti

Più informazioni su

VASTO. Il Comune di Vasto, l’associazione teatrale abruzzese molisana e l’assessorato alla cultura presentano, il 19 dicembre alle ore 21, lo spettacolo teatrale ‘Fuori Tempo’.  Una performance per far scoprire che gli strumenti musicali possono far ridere più degli attori.Poliedrici, divertenti, dissacranti Giancarlo Macrì, Gianluigi Carlone, Roberto Carlone, Sandro Berti presentano uno show per scoprire la musica da un punto di vista totalmente nuovo. Il tutto si basa su alcuni assunti fondamentali: se si inceppa il ritmo sei fuori tempo; se non ti trovi con gli altri sei fuori tempo, se non conosci facebook sei fuori tempo, se dopo trent’anni quattro musicisti si chiedono se sanno suonare a tempo allora stai guardando fuori tempo, il nuovo spettacolo della Banda Osiris. La Banda Osiris è ormai considerata un “classico”, ha incantato diverse generazioni per l’originalità, la fantasia e la vitalità delle sue esibizioni. Nel nuovo spettacolo dà una dimostrazione di come l’arguzia, la sottigliezza e il senso della commedia siano valori immutabili. Una calibrata, perfetta mescolanza ironica tra tecnica e improvvisazione dove i generi si confondono, s’incastrano, si evolvono l’uno nell’altro: dalla musica classica a quella pop, dal jazz alle sorprese musicali. Anche gli strumenti, oltre a svolgere diligentemente il loro ruolo, diventano oggetti di scena, divengono voce caustica e dissacratoria, corrosiva della massificazione, trombe e fiati diventano la voce anarchica e ribelle della creatività contro una società che vorrebbe la musica sempre più ingabbiata in una lenta e inesorabile omologazione. Così la musica esplode in qualcosa d’altro, un corto circuito impossibile da mettere su di uno spartito, negando anche la più flessibile catalogazione. La bravura dei quelli della Banda Osiris, capaci di esecuzioni complesse in costante movimento, è ogni volta una piacevole sorpresa: Beethoven e il mondo della canzone pop si mischiano in un costante, inarrestabile processo di assimilazione e riproposizione. Dominano la follia, la comicità, il calembour, tanto verbale quanto visivo, e il gusto per il non sense.  Dal salotto di Parla con me, la trasmissione di Serena Dandini su Rai3, i “ragazzi” della Banda imbastiscono una calibratissima mescolanza ironica tra tecnica e improvvisazione dove i generi si confondono, s’incastrano, si evolvono l’uno nell’altro: dalla musica classica a quella pop, dal jazz alle sorprese musicali. Fuori Tempo è il kamasutra della musica, un continuo slittamento tra fantasia e creatività. Con questo lavoro, il quartetto composto da Giancarlo Macrì (percussioni, basso tuba), Gianluigi Carlone (sax soprano, flauto, voce), Roberto Carlone (basso, trombone, tastiere) e Sandro Berti (chitarra, trombone), festeggia 30 anni di musica “giocata e sfiatata, rivoluzionata e sempre in movimento, leggera e stupita, orgogliosamente indipendente, testardamente divertita, spiazzantemente dissacrante e atipicamente elegante”. La Banda Osiris ha ormai assunto la condizione di “classico”, incantando diverse generazioni per l’originalità, la fantasia e la vitalità dei suoi spettacoli. E dopo 30 anni di esistenza, questi musicisti, attori, cantanti, mimi e ballerini, continuano a mantenere, sostenuti da una professionalità rigorosa, la stessa creatività e freschezza dei primi tempi.In questo nuovo spettacolo danno una dimostrazione di come l’arguzia, la sottigliezza ed il senso della commedia siano valori immutabili. Uno show in cui dominano la follia, la comicità, il calembour, tanto verbale quanto visivo, e il gusto per il nonsense. Il tutto sotto il segno di una splendida e libera anarchia, quella dei musicisti contro le classificazioni dei generi musicali, quella degli strumenti contro il loro ruolo di oggetti inanimati e quella di attori, non solo sul palco ma anche nella vita di tutti i giorni, contro una società che li vorrebbe sempre più ingabbiati in una lenta ed inesorabile omologazione e privati del fuoco sacro della fantasia.
tizianasmargiassi@vastoweb.com

Più informazioni su