vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

L'acqua del Trigno resta declassata: interrogazione del consigliere provinciale Eliana Menna

Più informazioni su

VASTO. L’acqua del Trigno resta declassata. Le autorità preposte assicurano che stanno facendo il possibile per risolvere il problema. Alla popolazione non basta. I cittadini chiedono di sapere che cosa è successo e perché improvvisamente non possono più bere l’acqua che fino a una settimana fa era ritenuta potabile. Il mondo politico comincia a fare domande. Qui di seguito l’interrogazione presentata questa mattina dal  consigliere provinciale Eliana Menna:
Interrogazione:Dall’arsenico ai fenoli.
Il fatto : La nuova tappa del calvario del fiume Trigno cade a meno di un anno dall’emergenza di fine febbraio dell’anno scorso, quando le alte percentuali di arsenico nel fiume che traccia il confine tra Abruzzo e Molise obbligarono la Coniv a sospendere l’erogazione dell’acqua.La Asl che controlla le condizioni dell’acqua durante tutto l’anno ha rilevato la presenza oltre i limiti di legge di fenoli, derivati chimici degli idrocarburi, in un campione prelevato in località Pietra Fracida a Lentella. Difficile dire dove è avvenuta la contaminazione. Fatto sta che il Sian (Servizio Igiene Alimentare e della Nutrizione) ha imposto il blocco dell’approvvigionamento dal fiume e le Asl ha giudicato ‘non classificabili’ le acque del Trigno. 
I DISAGI. Gli effetti dello stop non tardano a manifestarsi. I grandi stabilimenti di Piana Sant’Angelo sono costretti a razionalizzare le scorte. Alla Pilkington arrivano le autobotti della Protezione Civile ‘Valtrigno’ e l’azienda si dota di bagni chimici. Vietato per i dipendenti usare le docce, situazione analoga alla Denso e nelle altre fabbriche. La Sasi  comunica che limiterà il servizio a Vasto e Vasto Marina dalle 7 alle ore 13, con possibili variazioni a seconda delle riserve nei serbatoi. L’ente,  acquista l’acqua dalla Coniv. Senza questa, solo con il flusso dell’acquedotto del fiume Verde non è possibile garantire l’erogazione sulla costa.
Fatto il Punto della situazione la sottoscritta Interroga L’amministrazione Provinciale per sapere:
1) se è a conoscenza di eventuali riunioni o tavoli tecnici in merito
2) se l’emergenza è rientrata o se no, cosa l’Ente vuole fare in merito per limtare i danni
3) se il tavolo tecnico di cui fa parte anche la Prefettura e la Provicia di Chieti ( con i Suoi rapp.) è al corrente di ciò che è acca

paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su