vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Il suicida accusato di violenza sessuale soffriva da tempo di patologie invalidanti

Più informazioni su

ATESSA. “Francesco Paolo Pasquini, l’uomo di 77anni che si è tolto la vita in una struttura per anziani, di Atessa, dove viveva in osservanza dell’obbligo di dimora, accusato di violenza sessuale su una bambina, all’epoca dei fatti soffriva già da tempo, di patologie invalidanti come evidenziato dalla lettera di dimissione del Centro di Riabilitazione San Francesco di Vasto, dove era stato ricoverato in un periodo in cui gli viene contestata un’azione delittuosa. A dichiararlo è l’avvocato Alessandro Troilo del foro di Lanciano. Il mio assistito –spiega in una nota il legale-aveva sempre proclamato la sua innocenza fin dalle indagini, nel corso delle quali a due altri soggetti corrispondenti alla descrizione della minore, trentenni vicini di casa, non è stato fatto nulla”.

 Lunedì  mattina l’uomo si è impiccato, il corpo è stato trovato nella stanza della residenza. L’avvocato Alessandro Troilo, aveva presentato ricorso in appello contro la condanna. “Definisco- conclude Troilo- la sentenza di condanna del mio assistito oltremodo viziata sia in punto di fatto – non si sa e ne’ è stato accertato quando i fatti sarebbero accaduti – sia di diritto: è stata omessa finanche una perizia sulla minore tesa a verificare la capacità della stessa a distinguere il reale dalla fantasia”.

paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su