vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Rischia di rimanere senza stipendio per colpa dell'autovelox

Più informazioni su

DOGLIOLA. Il Comitato antiautovelox torna sulle barricate. A far infuriare il presidente Turdò è il caso di un automobilista molisano che rischia di vedersi  pignorare lo stipendio per colpa di una multa. “Nel 2007″, racconta in una nota Turdò ” l’automobilista è incappato in un autovelox sistemato sulla Trignina all’altezza del comune di Dogliola ed è stato multato. Il dispositivo che ha fotografato la sua vettura è uno dei misuratori contestati dal Comitato antiautovelox e fa parte del faldone sul quale è in corso a Vasto un maxiprocesso. L’automobilista, M.C. di Castropignano (Campobasso) per questo motivo non ha pagato la sanzione. Cinque anni dopo ha ricevuto dalla società Ica srl con sede a La Spezia una ingiunzione di pagamento di 1430 euro. Non solo, la società Ica ha contattato l’ufficio di collocamento di Campobasso per conoscere la situazione economica e lavorativa dell’automobilista e chiedere il pignoramento del suo salario. La vicenda è finita nelle mani di Antonio Turdò presidente del Comitato antiautovelox. Questa storia è gravissima. Sarà portata all’attenzione dell’Osservatorio sulla sicurezza stradale convocato in Prefettura a Chieti il prossimo 6 marzo”, annuncia Turdò deciso a dare battaglia. Il presidente del comitato si appella al buon cuore all’attuale sindaco di Dogliola, Rocco D’Adamio, affinchè vengano bloccate procedure così penalizzanti e rigide nei confronti degli automobilisti. Il caso di M.C. sarà portato all’attenzione anche dei media nazionali.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su