vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Oltre 100 colpi sul lungomare di Molise e Abruzzo: arrestato il 'ladro seriale'

Più informazioni su

TERMOLI. La tenacia e la costanza investigativa della stazione Carabinieri di Termoli ha permesso di incastrare un ladro seriale di Termoli che negli ultimi mesi aveva messo a segno moltissimi colpi nel centro costiero molisano, ma anche a San Salvo e Vasto; F.V., 42enne da Larino, incensurato, era ricercato da tempo dai Carabinieri di Termoli  come il ladro del lungomare, per aver commesso numerosissimi (si parla di oltre 100 denunce ricevute tra il 2012 e i primi mesi del 2013)  furti commessi sulle auto lasciate in sosta  sul lungomare.

La tecnica del ladro era ormai nota agli uomini del Luogotenente Piero De Carlo: l’uomo si recava, specialmente nei fine settimana, sul lungomare nord di Termoli  a bordo della propria autovettura Fiat Panda di colore blu in compagnia del cagnolino; giunto sul posto teneva sotto  controllo i movimenti delle persone,  in particolare runners o semplici passeggiatori in spiaggia, che lasciavano sul proprio automezzo borse, borselli o cellulari per dedicarsi all’attività preferita.

Quindi colpiva, spesso rompendo i vetri delle autovetture con una candela d’accensione per  auto, impossessandosi di denaro contante, cellulari e carte di pagamento; l’uomo era stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza di vari istituti di credito di Termoli mentre effettuava prelievi dagli sportelli automatici utilizzando i bancomat rubati, spesso tenuti nel portafoglio unitamente al codice pin (cosa da evitare assolutamente!) per cui la sua sagoma, caratterizzata dalla testa pelata, era conosciuta dai militari della Stazione di Termoli che però non erano mai riusciti a beccarlo.

Questo fino a domenica mattina, quando il Maresciallo Aiutante Filippo CANTORE, effettivo alla locale Stazione Carabinieri, durante un servizio in abito borghese specificamente finalizzato alla prevenzione dei furti,  passeggiando su lungomare in bicicletta come un comune turista, notava la Fiat Panda di colore blu transitare a bassa velocità; il sottufficiale riconosceva il mezzo e decideva di seguirlo.

Dopo poco la Panda si arrestava e ne usciva il F.V. il quale, avvicinatosi ad un automezzo in sosta, con la solita tecnica ne infrangeva un finestrino impossessandosi con celerità di un portafoglio lasciato incustodito; a questo punto interveniva il Maresciallo Cantore che riusciva ad immobilizzare l’uomo ed a contattare i colleghi in divisa del Nucleo Radiomobile, facenti parte del medesimo dispositivo, con l’ausilio dei quali il ladro veniva portato in caserma.

A questo punto, certi di avere in mano l’uomo che stavano cercando di tanto tempo, gli inquirenti decidevano di eseguire una perquisizione presso l’abitazione del prevenuto, sita in Larino: qui venivano rinvenuti e sequestrati telefoni cellulari, occhiali da sole, portafogli, carte di credito, fotocamere e navigatori satellitari per un valore di oltre 10.000 euro; il prevenuto veniva tratto in arresto per furto aggravato e continuato e ricettazione e tradotto presso la casa circondariale di Larino.

Attualmente sono quattro gli episodi di furto che sono stati ricondotti al F.V., tra i quali i furto di un bancomat e il conseguente prelievo di contanti per oltre 7.000 euro ai danni di un commerciante 54enne termolese; ma gli accertamenti sono tuttora in corso e gli inquirenti sono sicuri che riusciranno ad individuare responsabilità dell’arrestato in ordine a numerosi altri furti.

V/Bem

Più informazioni su