vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

2013 anno horribilis, Mario Codagnone segretario generale della CGIL fa il bilancio

Più informazioni su

VASTO. La crisi economica e sociale del nostro paese sta assumendo una dimensione sempre di maggiore gravità e insopportabilità da parte dei lavoratori, dei cittadini, dei giovani precari, dei pensionati al minimo. Le politiche rigoriste dell’Europa hanno approfondito la recessione ed hanno contribuito a determinare processi di forte deindustrializzazione. E’ necessario rimettere in discussione la politica economica e di quadro dell’Europa.  Come Fiom e Cgil sosteniamo da tempo di praticare politiche diverse a difesa della classe lavoratrice e dei soggetti più deboli. Serve la riforma degli ammortizzatori sociali estendendo la Cig anche a chi non ce l’ha; reddito di cittadinanza a carico della fiscalità generale per chi il lavoro l’ho ha perso, non  l’ha mai avuto, per chi studia e per chi esaurisce la cassa integrazione; riduzione dell’orario per ridistribuire il lavoro che c’è; investimenti per la manutenzione del territorio, dei servizi sanitari e scolastici, la salvaguardia dell’ambiente. Ma per costruire un futuro serve una nuova idea di politica industriale, un nuovo modello di sviluppo in cui il pubblico ha un ruolo decisivo. Per affrontare la recessione e uscire dal declino, serve un piano di investimenti, pubblici e privati, sulle energie rinnovabili, la banda larga, sulla mobilità, la siderurgia. Settori strategici che sono a rischio anche per la inadeguatezza di tante nostre produzioni. 
L’apparato industriale della nostra Provincia è molto rilevante  grazie alla presenza di grosse aziende multinazionali importanti( Denso, Pilkington, Honda, Sevel ed altri) ed a centinaia di medie e piccole aziende che occupano più del 30% dei 160000 addetti attuali occupati nella Regione Abruzzo. Questa grossa presenza industriale presenta forti aree di crisi e situazioni di aziende in forte sofferenza. Chi ha chiuso, chi è a rischio di fallimento, chi resiste tra tante difficoltà. Servono investimenti sui prodotti, sui processi, salvaguardare i diritti e aumentare i salari ai lavoratori per recuperare potere di acquisto. La nostra azione quotidiana nelle aziende è rivolta a confronti e a contrattazione per salvare i posti di lavoro con riduzioni di orario, contratti di solidarietà, ammortizzatori sociali che si stanno esaurendo. Strumenti che devono essere necessariamente rifinanziati,a cominciare dalla cig/o e dalla mobilità in deroga, altrimenti centinaia di persone, anzi penso qualche migliaia, possono rimanere senza lavoro e senza reddito. I soldi necessari si possono e si devono trovare per affermare il bene comune. Questo è il compito dei Governi ai vari livelli. Una politica più seria e più giusta può aiutare a salvaguardare e a creare nuovo lavoro e benessere per tutti. 
Serve un piano industriale per rilanciare la Sider-Vasto che a luglio finisce la possibilità di utilizzo della cig/s e salvare 55 posti di lavoro che possono altrimenti essere a rischio. 
A fronte del calo delle vendite delle moto da mesi si sta portando  avanti un confronto con la Direzione Aziendale per approntare un piano di riorganizzaione della Honda, difficile e pesante sul piano sociale, per salvare la centralità del sito produttivo di Atessa per Honda Europa e consolidare i livelli occupazionali a circa 400 dipendenti, con la prospettiva del risanamento finanziario e dal 2016  con la possibilità di rilancio produttivo ed occupazionale. 
La stessa Sevel che ha una attività produttiva più stabile e comunque lontana dai volumi produttivi che potrebbe realizzare con gli impianti che ha, seppure annuncia una  fermata per cig/o dal 26 aprile al 5 maggio al momento non preoccupante, deve riconoscere ai lavoratori aumenti contrattuali più adeguati ai loro sacrifici di questi anni a fronte di un contratto del Gruppo Fiat che toglie ai lavoratori per dare tanti milioni di euro a Marchionne. Come Fiom stiamo impegnando la nostra azione sindacale quotidiana in Sevel per cercare di tutelare i diritti dei lavoratori, ridurre i carichi di lavoro dove sono eccessivi, per migliorare gli aspetti della sicurezza ed avere le giuste agibilità sindacali ed il diritto di assemblea finora negata.    Infine mi piace sottolineare che alla CBI di Gissi, azienda che produce ventilatori-aspiratori industriali per areazioni con circa 40 dipendenti e che ha avuto momenti difficili nel recente passato, per l’anno 2012 è stato riconosciuto, tra parte fissa e parte variabile, a tutti i lavoratori un premio di risultato di circa 2200 euro per dipendente, migliorando gli aspetti organizzativi, facendo innovazione, e salvaguardando i diritti delle persone è aumentata anche la produttività.
paolacalvano@vastoweb.com 

Più informazioni su