vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Non riesce a sfrattare l'inquilina, la strattona e finisce in tribunale

Più informazioni su

VASTO. Non sempre è facile far rispettare i propri diritti mantenendo la calma. Ne sa qualcosa un quarantenne di Vasto finito in tribunale per i presunti danni causati ad un’affittuaria. Secondo l’accusa della donna, l’uomo l’avrebbe strattonata perchè esasperato dal rinvio dello sfratto.  La sequenza le avrebbe procurato un aborto. Questa mattina l’accusato compare davanti ai giudici per essere giudicato con il rito abbreviato. 
“Documenti e perizie alla mano dimostreremo l’infondatezza delle accuse rivolte al mio cliente”, afferma deciso il legale dell’imputato, l’avvocato, Arnaldo Tascione. La vicenda risale ad un anno e mezzo fa. A maggio 2011 il padrone di casa durante una procedura di sfratto dopo aver preso atto del differimento del provvedimento a seguito della gravidanza dell’inquilina avrebbe accompagnato fuori dall’appartamento l’ufficiale giudiziario. 
Subito dopo sarebbe rientrato e con uno strattone avrebbe scaraventato a terra la donna. La ragazza fu costretta ad un ricovero in ospedale. I medici le diagnosticarono un aborto. Il giorno successivo venne operata. La donna dopo qualche giorno denunciò il padrone di casa. “Le perizie eseguite e le testimonianze raccolte dimostrano che la ragazza non presentava traumi e lesioni tali da giustificare l’aborto. Nel rapporto medico legale viene esclusa con alta probabilità logica la natura post-traumatica dell’aborto”, afferma categorico l’avvocato Tascione.
paolacalvano@vastoweb.com

Più informazioni su