vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Elezioni regionali: la casta cercherà di strappare ancora sei mesi di stipendi

Più informazioni su

L’AQUILA. C’è grande effervescenza tra i papabili alle prossime elezioni regionali acuita dal fatto, che per i già eletti nei comuni e nelle province, sarebbe scaduto ieri il termine per rassegnare le dimissioni in vista di una futura candidatura alla regione. 

Tale effervescenza ricade soprattutto in provincia dell’Aquila, dove il Presidente del Corvo, ha dichiarato che si candiderà sicuramente per evitare che “il Parlamento che sopprime le Province sopprimesse anche me”. Stesso problema vive in questi giorni il presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, il quale afferma “deciderò se candidarmi” mentre tutti sanno che le elezioni non si terranno a novembre ma slitteranno di cinque, sei mesi perché la casta regionale, tutta, che ha già fatto finta di ridurre il numero dei consiglieri, cercherà di strappare ancora sei mesi di stipendio, di benefit, di tfr e di pensioni. 

Anche in questo la “politica” è lontana dai cittadini, basterebbe una legge che in caso di dimissioni in corso di mandato (non di sfiducia, beninteso) impedisse al dimissionario di candidarsi fino alla fine naturale dello stesso mandato. Basterebbe una legge che impedisca di ricoprire una doppia carica, ed è anche questa polemica di questi giorni, per esempio sull’Onorevole Piccone che è anche sindaco di Celano, basterebbe una legge,  come quella delle elezione diretta dei sindaci, che limitasse a due mandati qualsiasi incarico elettivo.

Ma leggi di questo tipo le dovrebbe promulgare la gente comune e non le assemblee che sono piene di eletti che vogliono detenere le doppie cariche, che vogliono ricoprire all’infinito le proprie cariche elettive, che per dirla con del Corvo, non vogliono farsi sopprimere e quindi non si sopprimeranno. Più elegante ma certamente meno veritiero sarebbe ascoltare “Non voglio che vengano soppressi i miei ideali, il mio credo, il mio spirito di servizio, ma questo la “casta” lo ha fatto da tempo.

Paola D’Adamo    paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su