vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Marinelli e Gancitano regalano la vittoria al San Salvo. Mugugni in casa Vastese 1902

Più informazioni su

VASTO. E’ derby tra Vastese 1902 e US San Salvo.  Antonio Prospero diserta la partita come messaggio di protesta contro la scelta, apparsa troppo severa, della Procura e del CASMS di vietare l’ingresso allo stadio ai tifosi sansalvesi: “Così si finisce per punire tutti, quando sono pochi quelli che andrebbero identificati e puniti. Poteva e doveva essere una giornata di festa e sport, con lo stadio Aragona che è anche attrezzato per partite professionistiche. Oggi ha perso il calcio in generale” spiega. Prima del match anche il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca, aveva espresso il proprio dispiacere e dissenso per le decisioni prese, parlando anche da tifosa della squadra della propria città. Alla fine tutto fila liscio sotto il punto di vista dell’ordine pubblico, tranne qualche reclamo per la severità sui documenti che però è dettata dalla legge in tutti gli stadi italiani.
Nel San Salvo rientra Marinelli, pedina importante che darà filo da torcere ai biancorossi. Nella Vastese diversi ex, Torres infortunato ma anche Spagnuolo e Pantalone.  I tifosi espongono diversi striscioni tra cui uno rivolto a Marramiero: “Marramiero sempre nel cuore”.  Al 5′ San Salvo già pericoloso con un tiro dal limite dell’area che finisce di poco a alto sopra la traversa. L’azione prosegue e Cialdini viene ancora impegnato seriamente con un tiro bel calibrato da fuori area.  E’ l8′ il San Salvo va in vantaggio: Uno due micidiale e Gancitano chiude trafiggendo Cialdini. Solo al 10′ la Vastese tenta una timida reazione. Partita agonisticamente dura in campo, tanti falli.  Al 12′ finisce sul taccuino Marco Battista della Vastese 1902. Al 20′ ancora San Salvo vicino al goal con Quaranta direttamente su calcio di punizione.  Al 22′ Vastese in avanti. Soria entra dentro l’area di rigore e in diagonale prova a far male a Coccia che riesce però a chiudere bene lo spazio.  Al 24′ ancora Soria protagonista: il bomber vastese riceve palla e di testa prova a superare il numero uno sansalvese che però riesce a smanacciare e salvarsi.  Passa solo un minuto e Coccia salva ancora la sua porta in parata plastica da tiro da fuori area.
Vastese che ci prova, San Salvo che segna. Il raddoppio arriva al 25′ con una azione corale di contropiede in cui il nove Marinelli mette la firma ancora una volta in questa stagione e va a prendersi gli abbracci dei compagni e gli applausi dei dirigenti. Viene intanto ammonito Spagnuolo. Al 44′ dopo essersi già resa pericolosa con un diagonlae il San Salvo fa tris. Sempre lui: Marinelli. Dalla sinistra dentro l’area di rigore lascia partire un rasoeterra che beffa difensore e Cialdini. E’ tre a zero.  Il San Salvo pare avere ipotecato la vittoria già al termine della prima frazione di gioco, con la Vastese che dopo il 2-0 non reagisce.
Nella ripresa la squadra allenata da Mario Lemme sembra scendere in campo più determinata. Dentro D’Adamo al posto di Pantalone. All’11’ viene fatto entrare in campo anche il neo acquisto Miani al posto di Antignani per cercare di impensierire maggiornamente la retroguardia ospite che ora attende e cerca di pungere in ripartenza, forte del risultato acquisito. Al 14′ la Vastese reclama per un fallo di mano in area di rigore ma non viene sanzionato e l’azione prosegue tra i mugugni.  Per il San Salvo entra Tamburino per Ramundo. Vastese che butta nella mischia il numero 17 Balzano al posto di Di Vito.  Nella seconda frazione di gioco la partita appare meno frizzante rispetto al primo tempo. I biancorossi non riescono ad essere troppo incisivi. Il San Salvo gestisce bene il risultato. Al 29′ arriva il guizzzo vastese grazie a Soria, che ha giocato una buona partita di sacrificio, che, partendo sul filo del fuorigioco, infila con un tiro angolato dalla sinistra il portiere Coccia. Lo stesso numero uno sansalvese viene sostituto con il fuoriquota Raspa ed entra anche Sabella per Tamburino infortunato. Ci prova ancora di testa la Vastese con Miani ma senza risultato.  Al 38′ finisce sul taccuino anche Irmici. San Salvo che temporeggia procurandosi anche qualche fallo di esperienza e innervosisce ulteriormente l’avversario. Mormorano i tifosi. A pochi minuti dalla fine la Vastese prima reclama per un fallo considerato da rigore su Miani e poi ci prova con un diagonale stretto dalla destra con il solito Soria a cui Raspa nega la gioia del raddoppio. Niente da fare per i biancorossi che escono sconfitti nel derby contro il San Salvo. Società che rimane in silenzio stampa, parla solo il dirigente Salvatorelli: “Brutta sconfitta. Abbiamo cambiato guida tecnica, abbiamo fatto quel che si poteva e quindi ora ci si riunirà e vedremo di prendere provvedimenti. Qualcosa non va e dobbiamo capire come invertire la rotta, perchè la Vastese non può fare un campionato in secondo piano. Ora ci si dovrà guardare negli occhi e ognuno dovrà assumersi la propria responsabilità. Magari non andava comprato un altro attaccante al momento ma si poteva agire diversamente sul mercato, senza nulla da togliere al neo acquisto. Bisognerà parlare anche di questo. I goal li devi fare certo, ma prima non devi prenderli. E noi oggi ne abbiamo presi tre già solo nel primo tempo. Questo non va. Vedremo cosa fare” spiega.
“Contento della prestazione della mia squadra. Hanno giocato bene e fatto tutto ciò che ci eravamo prefissati in allenamento. Purtroppo dispiace che prestazioni del genere non siamo riusciti a farle anche nelle partite precedenti dopo una squadra buona e in gamba come la mia ha rimediato ben 4 sconfitte. Uno si chiede come mai visto il buon gioco espresso oggi conto una signora squadra come la Vastese che è una delle formazioni più attrezzate del campionato. I ragazzi hanno interpretato bene la gara, andando a segno e poi non sbagliando, senza calare di concentrazione e aspettando sul tre a zero gli avversari. Spero che questo sia ora solo un punto di partenza che questa forza del gruppo vista in campo oggi possa ripetersi anche nelle prossime prestazioni. Questa vittoria la dedichiamo a tutti i nostri sostenitori e anche a tutti noi che abbiamo fatto bene, alla dirigenza che ci sostiene e a chi mi vuole bene naturalmente” afferma mister Gallicchio del San Salvo.
“Contentissimo per i goal e soprattutto perchè abbiamo vinto una partita importante. Serviva per dare morale dopo le sconfitte immeritate. Abbiamo disputato una buona gara. Dispiace per i nostri tifosi assenti qui allo stadio ma li ringraziamo lo stesso perchè ci sono venuti a caricare prima del match o durante gli allenamenti e sappiamo che ci aspettano per festeggiare ora che ritorneremo in città. Dispiace ripeto per i tifosi anche perchè le sanzioni prese dopo Alba Adriatica sono state troppo pesanti. Sono stati dei dirigenti della squadra locale a far iniziare tutto e istigare e San Salvo ne ha pagato le conseguenze peggiori. Ma va bene così” conclude il bomber sansalvese, Marinelli.
“Speriamo che la società si faccia un esame di coscienza. Non serve prendere gente senza pensare bene a chi prendere. Serve gente competente nelle varie cose. Non ci si può improvvisare. Magari le scelte andavano fatto con il mister Mario Lemme o andavano viste altre situazioni. Speriamo solo che la situazione ora cambi perchè la Vastese non merita di perdere così. Noi non facciamo mai mancare il nostro sostegno però vogliamo vedere gente che lotta” mugugnano i tifosi della D’Avalos a fine partita.  
Vastese-San Salvo 1-3 (0-3)
Reti: 8’ Gancitano, 25’ Marinelli, 44’ Marinelli (San Salvo), 74’ Soria (Vastese)
Vastese: Cialdini, Pantalone (46’ D’Adamo), Berardi, Battista, Irmici, Spagnuolo, Cardone, Avantaggiato, Antignani (55’ Miani), Soria, Di Vito (66’ Balzano). A disposizione Cianci, Catenaro, Triglione, Galiè. Allenatore Mario Lemme
San Salvo: Coccia (77’ Raspa), Giugliano, Ramundo (60’ Tamburino, 77’ Sabella), Sasso, Lapiccirella, Felice, Di Pietro, Quaranta, Marinelli, Gancitano, Antenucci. A disposizione Izzi, Del Borrello, Cappelletti, Costantini. Allenatore Claudio Gallicchio
Arbitro: Davide Moriconi di Roma 2  Assistenti: Parisse di Teramo e Cicchitti di Chieti
Ammoniti: Battista, Spagnuolo, Ramundo, Avantaggiato, Antenucci, Irmici, Raspa Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su