vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Da anni aspetta 24mila euro: chiede aiuto alla magistratura

Più informazioni su

SAN SALVO. Per poter lavorare c’è bisogno di liquidità. La mancata riscossione di un credito crea disagi spesso dannosissimi alle aziende. Il numero di imprenditori falliti a causa della mancata riscossione del dovuto è sempre più alto. Anche nel Vastese. Natalino Sozio della Ns Bandiere da diciotto mesi aspetta 24.899 euro per una fornitura di gadget, bandiere, gagliardetti, striscioni e altro materiale inviato a Roccaraso in occasione dei mondiali di sci del marzo 2012. 
In base all’accordo avrebbe dovuto ricevere entro 40 giorni dall’invio del materiale un acconto e il resto alla consegna. “Sono trascorsi diciotto mesi ma io di quei soldi non ho visto neppure l’ombra”, accusa Sozio. In un momento di crisi 24.899 euro sono una somma importante per tutti. Figurarsi per un imprenditore. Sozio reclama quei soldi. Da mesi invia solleciti ma ogni volta arriva una risposta diversa e come spesso accade è cominciato il solito scaricabarile.
“L’ultimo sollecito è stato inviato dal mio avvocato Bruno D’Ercole al Comune di Roccaraso, al Comitato organizzatore dell’evento e alla Comunità montana. Non ha ricevuto alcuna risposta. E’ assurdo”, si rammarica l’imprenditore. La Ns aveva risposto ad un bando pubblicato dal Comune di Roccaraso. “Le bolle vennero firmate dal Comune sede del Comitato. Il preventivo venne controfirmato per l’accettazione. Al momento di fare la fattura mi dissero di intestarla però ad una società, l’impresa a cui erano stati affidati i servizi connessi allo svolgimento della manifestazione”, ricorda Sozio.
Il meccanismo burocratico pare proprio essersi inceppato. “Non è giusto che a farne le spese sia sempre chi fa il proprio dovere”, è il rammarico del titolare della Ns. Natalino Sozio che ha inviato ora un nuovo sollecito. “La speranza è che almeno questa volta qualcuno risponda chiarendo cosa è successo”, dice. “Io dovevo fare una fornitura e l’ho fatta. Devo essere pagato”. Il prossimo passo sarà la richiesta d’aiuto alla magistratura. Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su