vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Juniores d'elitè: Vastese 1902 tra prime di campionato altalenanti e obiettivi futuri

Più informazioni su

VASTO. Oggi sarà di scena la prima squadra fuori casa con l’Alba Adriatica per il turno infrasettimanale del campionato di Eccellenza. Lunedì invece è stato il turno della juniores d’elitè della Vastese 1902 allenata da Michele Stivaletta e il suo secondo Nicola La Verghetta. L’anno scorso il miracolo: una squadra costruita dal nulla che con tanti sacrifici, mettendoci sempre cuore in campo, mettendosi a disposizione del mister per crescere tecnicamente e imparare e soprattutto rispettando sempre valori e principi comportamentali è riuscita a vincere il campionato juniores. Tanta gioia per i ragazzi così come per il mister che anche quest’anno spera di riuscire nel loro intento principale che è quello di agguantare la salvezza:
“Della squadra dell’anno scorso sono rimasti solo 5-6 elementi più i ragazzi che si dividono tra prima squadra e juniore d’elitè. Sono: i due Finamore, Ajoub, il capitano Savino, i due D’Adamo, Piras, Pantalone, Schiavone e Di Santo. Dal Vasto Marina abbiamo poi preso Piccinini e ingaggiato altri ragazzi nuovi. L’anno scorso è andata meglio di quanto ci si aspettasse all’inizio. Contentissimo dell’obiettivo raggiunto e per questo motivo, nonostante ora il livello sia superiore e il campionato più difficile, bisogna cercare di salvarsi prima possibile a denti stretti per far sì che quanto fatto di buono nella passata stagione non venga sprecato e continuare poi un certo discorso di crescita iniziato anno dopo anno”.
“Bilancio di queste prime cinque partite disputate e differenze che hai notato rispetto al campionato dell’anno scorso”. “Bilancio al momento non positivissimo. Siamo riusciti a vincere solo la prima partita contro il Torre Alex. Negli incontri successivi due pareggi contro Acqua e Sapone e Miglianico e due sconfitte contro i “cugini” del Vasto Marina e il Francavilla. Per quel che riguarda le squadre non sono rimasto stupito se non dalle individualità dei giocatori del Vasto Marina. Il campionato conta di squadre che hanno rose di giocatori superiori rispetto all’anno passato. Ci sono più società organizzate”.
“La squadra che secondo te può vincere questo campionato”. “Il Vasto Marina è la favorita. Era forte già lo scorso anno e si è rafforzata ulteriormente. Sicuramente vincerà”.
“Obiettivi della tua squadra”. “Noi puntiamo alla salvezza. Ringrazio e riconosco anche alla società i sacrifici che sta facendo. Mi mettono in condizione di lavorare con tranquillità e lasciano libero nelle scelte e nell’organizzazione generale. Ringrazio Mario Bolognese e Dino Monteferrante per il supporto e la grossa mano che mi danno ogni giorno. Due persone davvero fondamentali e anche con l’allenatore in seconda mi trovo bene. L’anno scorso è stato un vero miracolo, ora c’è da rimboccarsi le maniche. Abbiamo una rosa che è stata anche un pò penalizzata dal buon lavoro che hanno svolto nei settori giovanili la Virtus Cupello e il Vasto Marina. Tanti hanno scelto altre sponde piuttosto che la squadra blasonata come la Vastese. Noi però non ci arrendiamo. Le porte sono aperte a tutti e a dicembre si potrebbe tornare sul mercato e rinforzarci ulteriormente. Abbiamo in fondo gli uomini tra campo e panchina contati. Vorremmo che il nome, Vastese 1902 , attiri e invogli i ragazzi a venire a giocare da noi ma non è andata così fino ad ora e non so spiegarmi come mai. la Vastese è la squadra storica con un grande blasone. La società ha investito molto, è vero, nella prima squadra e pur tra tante difficoltà si sta cercando di rispettare le promesse fatte all’inizio, di centrare gli obiettivi posti prima di cominciare la stagione. Il campionato di Eccellenza si sa che è difficile e che non ci sono quasi mai squadre che già in partenza possono essere sicure di vincerlo a occhi chiusi. La società ce la sta mettendo tutta, poi ovvio che le cose possono andare bene o male. Gli sforzi al momento sono stati concentrati di più sulla prima squadra ma noi dal canto nostro stiamo cercando di far bene lo stesso e migliorarci giorno dopo giorno. Nei due pareggi arrivati al ’90 c’è anche tanta inesperienza”.
“Nel derby con il Vasto Marina la tua squadra ha combattuto fino alla fine però contro quella che è la candidata al titolo numero uno”. “Nel derby innanzitutto è stato brutto vedere tanti talenti vastesi divisi piuttosto che vederli lottare tutti per un’unica maglia e unendo le forze. Se giocassero tutti insieme credo davvero che non ci sarebbero rivali. Per questo motivo io l’ho ribattezzato derby della tristezza. Per il resto risultato giusto. I miei ragazzi hanno giocato come meglio potevano, riuscendo a restare in partita fino al ’70 poi sono usciti fuori i ragazzi con spiccate individualità del Vasto Marina e con esperienza si sono portati sul due a zero finale. Logico che mi sarebbe piaciuto far risultato”.
“Nella prima partita eravate partiti bene, una vittoria che aveva dato morale, poi?”. “Si sicuramente. Peccato per non essere riusciti a far più punti nelle successive. Non meritiamo la classifica che abbiamo. Ne verremo fuori e faremo di tutto per rimediare a questa partenza un pò altalenante”.
“La prossima partita in cui sarete impegnati lunedì?”. “Lunedì giocheremo ai Salesiani con la Valle del Foro alle 15”. Tiziana Smargiassi (tizianasmargiassi@vastoweb.com)

Più informazioni su