vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Si finge appartenente ad una confraternita per raccimolare denaro: 32enne denunciato

Più informazioni su

ATESSA. Ha cercato di racimolare del denaro bussando alla porta di alcuni ristoratori della provincia di Chieti e presentandosi come un componente di una confraternita cattolica dedita all’assistenza dei bisognosi. Protagonista della vicenda un 32enne di Cupello, noto alle forze dell’ordine, denunciato, nel weekend, dai Carabinieri della Stazione di Castiglione Messer Marino con le accuse di usurpazioni di titoli e tentata truffa. Gli uomini dell’Arma, da alcuni giorni, avevano avuto notizia che, nella zona dell’atessano, si aggirava un uomo che, con il pretesto di promuovere una serie di eventi organizzati da una nota confraternita religiosa dedita all’assistenza dei bisognosi, chiedeva dei piccoli contributi di circa 50 euro ai titolari di ristoranti ed esercizi pubblici. 
Per rendere ancora più credibile la sua attività l’uomo indossava anche una felpa dell’associazione ed esibiva altro materiale appartenente alla stessa e specificava che, qualora il titolare del ristorante avesse dato il suo contributo, sarebbero stati organizzati degli eventi presso il suo locale con una considerevole partecipazione di persone e quindi un ritorno economico notevole per lui. La svolta nelle indagini è arrivata nel weekend grazie alla segnalazione di una ristoratrice della zona che, dopo aver ricevuto la visita del 32enne, ha subito avvertito il 112. 
I Carabinieri della Stazione di Castiglione Messer Marino, sulla base delle indicazioni raccolte, si sono messi sulle tracce dell’uomo e, a distanza di poche ore, sono riusciti a rintracciarlo in una trattoria della zona mentre era intento a promuovere le attività umanitarie svolte dalla sua confraternita. Dopo essere stato identificato e smascherato dai Carabinieri l’uomo ha confessato ai militari dell’Arma di trovarsi in precarie condizioni economiche e di aver architettato il sistema per poter “guadagnare” qualcosa. Il 32enne, inoltre, ha spiegato agli uomini dell’Arma che nel corso della giornata non era ancora riuscito a intascare del denaro ma, nei giorni precedenti, aveva racimolato solo qualche centinaia di euro grazie alle donazioni dei titolari di tre ristoranti ubicanti in piccoli centri della provincia di Chieti ed uno in provincia di Campobasso. Accompagnato in caserma l’uomo è stato denunciato in stato di libertà con le accuse di usurpazioni di titoli e tentata truffa. 
redazione@vastoweb.com

Più informazioni su