vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Operazione “Adriatico”. La procura distrettuale antimafia ricorre in Cassazione

Più informazioni su

VASTO – Operazione anticamorra “Adriatico”. Il sostituto procuratore della Procura distrettuale antimafia de L’Aquila, Antonietta Picardi ha presentato ricorso in Cassazione contro la concessione della scarcerazione a buona parte dei personaggi arrestati nell’ambito della maxi operazione antidroga, “Adriatico”. Il ricorso sarà discusso dalla quarta sezione penale della Corte di Cassazione il 10 giugno. 

L’operazione Adriatico a fine febbraio fece scattare le manette ai polsi di 18 persone, altri 11 ricevettero la notifica degli arresti domiciliari. Agli indagati è contestata l’associazione a delinquere di stampo camorristico. La retata deriva dalle rivelazioni del collaboratore di giustizia, Lorenzo Cozzolino. 

L’inchiesta è partita dall’arresto di Cozzolino nel 2012. Il pm aquilano ha spiegato subito dopo la retata che la collaborazione di Cozzolino ha avuto immediati riscontri consentendo di ricostruire di episodi delittuosi degli ultimi 10 anni che prima erano stati analizzati in maniera parcellizzata: tentati omicidi, violenze, incendi e molti altri fatti inquietanti ora riconducibili ad una unica organizzazione di stampo camorristico trapiantata sul litorale teatino in una zona ritenuta immune da infiltrazioni. La magistratura ha deciso di adottare la linea dura. Non sono daccordo i difensori degli indagati.  

Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

Più informazioni su