vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Di Battista e Del Grosso in piazza del Popolo a Vasto con i candidati 5 stelle

Più informazioni su

VASTO. Erano 1227 in streaming e tanti in piazza del Popolo tra le auto parcheggiate, i cittadini, curiosi ed i simpatizzanti di Movimento cinque stelle, che hanno assistito alla presentazione dei candidati alle prossime elezioni regionali: Silverio Marzocchetti, Pietro Smargiassi, Rema De Camillis e Daniela Aiuto alle europee.  L’appuntamento previsto dapprima a Vasto Marina, a causa del tempo incerto, è stato spostato nella sala Michelangelo di Palazzo d’Avalos, e nell’attesa di Alessandro Di Battista, il deputato del Movimento cinque stelle l’incontro si è tenuto poi  all’aperto per permettere a tutti di partecipare. Di Battista è arrivato in compagnia del collega Daniele Del Grosso e della candidata alla presidenza per la regione Sara Marcozzi. Il deputato pentastellato  è arrivato a piedi, dopo aver parcheggiato la sua auto al multipiano ha raggiunto piazza del Popolo fermandosi ogni qualvolta è stato avvicinato da qualcuno. Passando davanti a Carabinieri e poliziotti ha detto “buon lavoro e grazie per tutto quello che fate”.

Dopo gli interventi dei candidati  Sara Marcozzi ha sottolineato “Siamo stati i primi ieri a presentare la lista, siamo 29 cittadini onesti. Pensate D’Alfonso ha 288 candidati. Non hanno capito che non è la quantità a fare la differenza. Questa regione ce la riprendiamo. Tutta questa gente se ne andrà a casa e poi ha rivolto un appello alla folla. “Adottate gli indecisi”. Subito dopo ha preso la parola Del Grosso . “ Se siamo qui oggi è perché vogliamo riprenderci l’Abruzzo. Noi siamo in piazza ogni fine settimana, non solo in campagna elettorale. Dobbiamo svegliarci. Il 5 stelle non è fantascienza. Abbiamo bisogno di entrare nei comuni, nelle regioni Piemonte e Abruzzo e in Europa. Sono stato in India per i Marò–ha concluso- ma nessun organo di stampa ha riportato la notizia. In aereo con me c’erano anche Casini, Cicchitto e Gasparri era meglio abbatterlo quell’aereo”.

E poi la parola a Di Battista che prima ha lasciato il microfono ad una donna del pubblico che nel suo intervento ha detto “Non andavo più votare perché nessuno mi rappresentava. Ora tutto è cambiato  grazie al Movimento 5 stelle. “Doveva essere solo un aperitivo veloce con gli attivisti di Vasto-ha detto- troppa gente, trovate 4 casse e via, un’agorà improvvisata tra le macchine parcheggiate. Continuate a ignorarci!” Il deputato  ha sottolineato come l’Italia per la libertà di stampa è al 49 posto. “È uscita la classifica della libertà di stampa nel mondo. L’Italia è al quarantanovesimo posto. Meglio di noi tra gli altri il Belize, il Niger, la Jamaica, Haiti, Botswana, El Salvador e il Suriname. Grillo credo che a volte sbagli, è troppo moderato. I giornalisti bravi e onesti ce ne sono e sono indispensabili, ma sono una preoccupante minoranza. Ma se i media tutti nell’estate 2012, qualche settimana prima che PD, PDL e oggi B. parla di abolizione, fa ridere i polli e eterni democristiani votarono a favore del fiscal compact, ne avessero parlato con forza, secondo voi questo trattato criminale sarebbe stato approvato? Per l’opinione pubblica la libertà della stampa è come acqua per un assetato. Ci sono dei bravi giornalisti certo ma se ci fosse una libera informazione molto di ciò che è accaduto non sarebbe successo”.

Paola D’Adamo  paoladadamo@vastoweb.com

Più informazioni su