vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

La bandiera dell'Europa sfrattata dalla facciata del Comune di Schiavi d'Abruzzo

Più informazioni su

SCHIAVI D’ABRUZZO –  «La bandiera dell’Europa sfrattata dalla facciata del Comune per fare spazio alle bandiere di ditte private, ditte che lucrano con l’eolico stuprando le nostre montagne. E addirittura quelle bandierine sventolano ora all’interno del monumento ai caduti? Siamo arrivati addirittura al vilipendio. E’ un luogo di rispetto, non uno spazio pubblicitario».
La domanda arriva dal consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Luca Ninni. E così alla vigilia della Festa del vento, organizzata a Schiavi di Abruzzo, a volare sono solo le polemiche.

«Nei giorni scorsi, in paese, i dipendenti comunali, in orario di servizio e utilizzando mezzi di proprietà dell’ente, hanno tappezzato le strade con bandierine della cosiddetta Festa del vento. – continua polemico il consigliere Ninni – Chiedo perché si debbano usare uomini e mezzi comunali per una festa organizzata da privati. Non accuso i dipendenti, ovviamente, che hanno solo eseguito degli ordini, ma chi ha impartito loro quelle direttive. E come se non fosse già grave quanto accaduto, oggi vedo che anche il monumento ai caduti è stato vilipeso con l’affissione al suo interno di bandierine della Festa del vento. Siamo alla follia. Dentro il monumento ai caduti dovrebbero esserci solo le bandiere delle istituzioni, Europa, Regione, Provincia e Comune. E’ un luogo di rispetto, non uno spazio pubblicitario. E anche sulla facciata del Municipio hanno tolto la bandiera dell’Europa per fare spazio a quelle dei signori del vento». E intanto molte scuole di Abruzzo e Molise parteciperanno alla Festa del vento, almeno secondo le previsioni degli organizzatori. Un evento di sensibilizzazione sulle energie rinnovabili che non piace a molti, proprio per il coinvolgimento delle scuole.

«Non capisco perché nell’Alto Vastese si debbano continuare a concedere spazi ai signori del vento. – continua il consigliere Ninni. La nostra regione, secondo i dati del Gestore Servizi Energetici, società pubblica controllata dal Ministero dell’economia, aggiornati al 2012, è tra le regioni in Italia che supera la quota richiesta come energia prodotta da energie rinnovabili secondo lo schema del Burden Sharing e il PAN- Piano di Azione Nazionale→ direttiva 2009/28/CE.  Tale quota mediamente in Italia tocca la soglia del 23%, e in Abruzzo arriva al 33%. Notizie riportate anche dalla stampa. Le spiegheranno queste cose, oggi, ai bambini? Dubito».

redazione@vastoweb.com

 

Più informazioni su