vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

"Disagi e proteste a Vasto Marina, via Ponente abbandonata a se stessa"

Più informazioni su

VASTO. “Quanto segnalato dai residenti di via Ponente -dichiara Alfredo Graziano- è emblematico di un degrado che impera ormai in ogni angolo di Vasto Marina, sempre più abbandonata e dimenticata dalle istituzioni.

Ho avuto modo -continua il turista che ha acquistato una casa a Vasto Marina- già di scrivere come la zona “Sic” altro non è che un letamaio, oserei dire una fogna a cielo aperto, dove alberga di tutto e di più, specie in estate; in tale periodo, infatti, le dune o pseudo tali diventano un ricettacolo  di immondizia mista a scorie umani, tanto da rendere irrespirabile l’aria oltre che luogo ideale per offrire spettacoli
al limite della pubblica decenza.

Da tempo vado ripetendo che i così detti ombreggi di Vasto Marina sono la vergogna nazionale ( il comune di Vasto ne autorizza l’utilizzo seppure in assenza di bagni pubblici, spogliatoi e docce e la cosa più disgustosa e deprimente  è che si paga al pari di un normale lido attrezzato; la mancanza dei suddetti servizi spinge noi poveri essere umani, all’occorrenza, ad utilizzare le dune per i bisogni fisiologici incombemti.

Signori ambientalisti dove siete? Cosa dite in proposito? Cosa avete mai
fatto per depurare la intera area dallo schifo che regna? Continuate pure
a tacere, ormai ce ne siamo fatti una ragione.

La via Ponente con i problemi esistenti ed opportunamente segnalati offre lo spunto per informare la pubblica opinione del totale abbandono, da parte
dell’ente Comune, delle 500 famiglie abitanti i parchi Fortunato e dei Limoni, ormai invivibili.

Due bellissimi parchi invasi da sporcizia, con alberi pericolanti, mancanza di segnaletica, strutture sportive alla mercè  di chicchessia, rumorosità dei treni e via discorrendo….

Di tanto sono stati interessati a più riprese sia l’assessore ai servizi, sig. Marra, che il sindaco, dott. La penna, ma con scarsi risultati….

Per la verità l’assessore Marra ama dichiarare che le priorità della amministrazione sono altre, non certamente via Ponente o i parchi; non è dato sapere a quali priorità si riferisca, rimane il fatto che l’immobilismo regna e aleggia 365 giorni all’anno; ho pure invitato l’assessore ad un pubblico confronto, ma anche questa, purtroppo, non è una priorità o più semplicemente il sig. Marra preferisce evitare il confronto.

L’assessore Marra, quindi, dimentica i propri obblighi istituzionali, ignorando che gli abitanti di via Ponente e dei parchi succitati pagano
regolarmente le tasse ( giusto per…IMU, TASI, TARI  etcc…) e pretendono di essere trattati non da cittadini di serie “B” ma da contribuenti cui è dovuto il massimo rispetto da parte Sua e della intera Amministrazione Comunale.

Se ciò non si concretizza opportunamente, ritengo, ed è questo il pensiero
comune, che le dimissioni dall’incarico rivestito siano un atto dovuto e
responsabile.

Ed allora sindaco Lapenna, come già ampiamente discusso e ridiscusso, a Lei la parola per avere risposta a ciò che da tempo conosce e più precisamente.
a) che dice ai residenti di via Ponente?
b) quali iniziative intende adottare per rendere vivibili i parchi?
c) cosa pensa degli ombreggi e dei disservizi che offrono?
d) a quando la posa in opera delle barriere fono-isolanti nel tratto parco dei
    limoni/Memmo arredamenti così come certificato dall’ARTA Abruzzo?
e) la pista ciclabile è o no  un pericolo per i pedoni?. Cosa ne pensa?

In conclusione, egregio Sindaco, cosa fare perché a Vasto Marina la gente
possa vivere in condizioni dignitose?”.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su