vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Visite mediche, analisi, allenamenti nel primo training camp NIPPO Vini Fantini De Rosa

Più informazioni su

SAN VITO CHIETINO. Parte forte e da solide basi il team NIPPO Vini Fantini con il primo collegiale a San Vito Chietino iniziato venerdì 12 dicembre e in chiusura oggi, domenica 21 dicembre. Allenamenti generici e mirati hanno caratterizzato queste giornate, insieme ad analisi, visite e valutazioni mediche. Un’intera equipe della facoltà di medicina dello sport dell’università di Chieti, guidata dal professor Ripari e coadiuvato dal professor Bertollo, ha infatti svolto 4 giorni di test medici, sportivi e psicologici alla squadra. Tutte le visite sono state seguite anche dal preparatore atletico Gianni Tendola, che insieme a direttori sportivi trarrà indicazioni molto importanti sugli atleti della squadra.
Ogni corridore, dopo una anamnesi completa, ha svolto approfonditi test incentrati su quattro ambiti. Valutazione medico-strumentale, valutazione funzionale, valutazione psicologica e valutazione dietetica nutrizionale. Molti i test costruiti ad hoc, per evidenziare i punti di forza e di debolezza dei ciclisti, come il test sotto sforzo incrementale (svolto con il Cicloergometro) per determinare la frequenza cardiaca massima e il massimo consumo di ossigeno per stabilire le soglie ventilatorie, cardiache e lattacide. L’encefalogramma a sforzo costante per stabilire le soglie i parametri della fatica, test elettrobiografico ai muscoli di coscia e tronco e la Dexa per determinare la densità ossea degli atleti e la composizione corporea (massa magra e massa grassa). Infine in una squadra ricca di velocisti non poteva mancare il “Windgate”, un test al massimo dello sforzo della durata di 30 secondi per verificare la capacità anaerobica.
All’insegna del nuovo ciclismo e nuove professionalità in questo sport, sono stati svolti anche un’approfondita serie di test psicologici e colloqui incentrati sulla psicologia sportiva per determinare percezione dello sforzo e valutare il bilanciamento stress-recupero necessario per ogni atleta. Tutti questi dati, incrociati con le analisi svolte dal professor Cocco del laboratorio Val Di Sangro, saranno anche oggetto di studio e di lezioni specifiche per gli studenti dell’Università di Chieti.  Insieme alle indicazioni ricevute dagli allenamenti in strada saranno fondamentali per la scelta dei ciclisti da portare alla prima gara stagionale a San Luis, in Argentina. redazione@vastoweb.com

Più informazioni su