vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Incendio in via De Gasperi: un fatto accidentale. Vandali scatenati in via Tobruk

Più informazioni su

VASTO – Non è di origine dolosa l’incendio della Renault Modus distrutta dal fuoco la notte di Santo Stefano in via De Gasperi nel quartiere San Paolo. I rilievi dell polizia sembrano escludere questa ipotesi.” I vigili del fuoco non hanno trovato tracce di liquido combustibile e i testimoni che si sono accorti dell’incendio non hanno visto nessuno allontanarsi dal luogo dell’incendio”, afferma il dirigente del commissariato, Alessandro Di Blasio. ” La Modus appartiene ad una brava commerciante che ha una vita estremamente tranquilla. 

Tutto lascia pensare che l’incendio si stato originato da un corto circuito”, afferma il dirigente. Dichiarazioni che però non riescono a tranquillizzare i cittadini convinti che il fuoco possa essere stato provocato, magari per gioco, da qualche scellerato. ” Ci hanno provato per la terza volta anche in via Tobruk la notte di Natale”, racconta un pensionato. “Dopo aver sparso sulla strada i cartoni, una banda di ragazzini era pronta a dar fuoco al materiale. E’ intervenuto un residente che ha messo in fuga i piccoli teppisti”, racconta E.M. una residente. E sempre la otte di Natale qualche sciagurato si è divertito a sparare botti all’interno del cortile di Palazzo D’Avalos.  L’incendio del quartiere San Paolo non ha distrutto solo la Modus Renault. 

Il gesto scellerato ha fatto due vittime e solo per miracolo non è stata distrutta anche una terza auto. La chiamata al centralino dei vigili del fuoco è arrivata poco prima delle 3 e le lingue di fuoco si erano estese anche ad un Citroen C3 parcheggiata vicino. Il fuoco ha distrutto tutta una fiancata della C3. ” Le indagini smentiscono la natura dolosa dell’incendio”, insiste il dirigente del commissariato. Il forte odore di benzina che si avvertiva vicino alla Modus era quello del liquido contenuto nel serbatoio dell’auto. Non ci sarebbero tracce di altri inneschi nè micce.

Paola Calvano (paolacalvano@vastoweb.com)

 

Più informazioni su