vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Sabato apertura dell’Emporio per sostenere persone e famiglie in difficoltà

Più informazioni su

VASTO. Sabato 28 marzo prossimo, alle ore 10.30, presso l’Auditorium San Paolo Apostolo, è in programma l’inaugurazione dell’Emporio della Solidarietà Giovanni Paolo II, un’Opera Segno della Caritas Diocesana per servire e sostenere persone e famiglie in difficoltà.
Alla presenza di S.E. Mons. Bruno Forte, Arcivescovo di Chieti-Vasto, dopo il saluto degli ospiti, interverrà Don Francesco Soddu, Direttore della Caritas Italiana, per presentare il tema: “La Caritas e le opere segno”. A seguire Padre Bruno farà una riflessione di natura biblico-teologica sul valore fondante della carità per la vita cristiana. Il taglio del nastro, la benedizione della struttura caritativa e la simulazione delle attività dell’Emporio concluderanno il nostro stare insieme.

“È grave -ha dichiarato don GIanni Sciorra, Vicario della Zona Pastorale di Vasto -la situazione di molte famiglie che, pur non vivendo in strada, si trovano al di sotto della soglia di povertà. La loro condizione, se fino a qualche anno fa era considerata critica, ma ancora ai limiti dell’indigenza, negli ultimi anni si è trasformata in una vera e propria emergenza sociale.
Ciò che intendiamo attuare e promuovere con l’«Emporio della Solidarietà Giovanni Paolo II» non vuole essere la risposta unica o esaustiva al problema delle famiglie in difficoltà, ma vuole piuttosto essere una testimonianza concreta affinché non vengano mai persi di vista i valori dell’accoglienza, della solidarietà e della gratuità, cercando di attuare soluzioni idonee e dignitose che escludono l’assistenzialismo fine a se stesso.
Noi crediamo che l’«Emporio della Solidarietà Giovanni Paolo II» possa rappresentare un valido strumento di lotta al disagio delle famiglie e sollecitare la sensibilità culturale e sociale di tutti, dando voce alle istanze ed ai bisogni di chi è costretto a vivere la propria sofferenza e il proprio disagio in solitudine. L’impegno prioritario e concreto della CARITAS resta sempre quello di “dare voce a chi non ha voce”.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su