vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Nello scalo Vasto-San Salvo torna il Frecciabianca. La battaglia contro l'oblio è servita

Più informazioni su

VASTO. La protesta politica è servita. In settimana sarà firmato il protocollo fra La Regione e Trenitalia per una fermata del Frecciabianca nella stazione di Vasto e San Salvo. La notizia confermata dai segretari del Pd , Gennaro Luciano e Antonio Del Casale è stata accolta sia a Vasto che a San Salvo con immensa soddisfazione. I primi ad essere soddisfatti sono il sindaco e il presidente del Consiglio comunale di San Salvo, Tiziana Magnacca ed Eugenio Spadano e  con loro il sindaco facente funzione di Vasto, Vincenzo Sputore. Martedì i 3 amministratori hanno tenuto una conferenza stampa davanti allo scalo ferroviario di contrada San Tommaso reclamando più attenzione per la stazione e un servizio ferroviario più adeguato alle esigenze di due località turistiche.
“So che il sottosegretario ai Trasporti della Regione, Camillo D’Alessandro si è battuto per arrivare a questo risultato ed è riuscito a convincere Trenitalia. Consapevole dell’importanza della fermata di un convoglio Frecciabianca nella stazione Vasto-San Salvo, non posso che essere felice nell’apprendere la notizia”, è stato il commento di Antonio Del Casale. Orari e modalità saranno definiti e resi noti dopo l’incontro fra la Regione e Trenitalia. La cancellazione delle fermate del Freccibianca nel Vastese aveva suscitato una indignazione generale e senza colore politico. Sia gli amministratori del centrodestra che quelli del centrosinistra hanno invocato il diritto al servizio. Il parlametare del Pd, Maria Amato ha presentato una interrogazione lamentando disservizi anche per i pendolari.
La legittima protesta di un territorio che si è sentito dimenticato, è riuscita a raggiungere le sedi opportune. La firma in arrivo smentisce anche lo scetticismo dei sindacati che hanno definito tardivo l’intervento dei politici.     Paola Calvano paolacalvano@vastoweb.com    

Più informazioni su