vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Guardia medica, Pd: un anno di lavoro per raddoppiare le postazioni

Più informazioni su

SAN SALVO. Nei giorni scorsi i l presidente della commissione Vigilanza e consigliere regionale Mauro Febbo aveva definito il riordino dell’assistenza sanitaria e della rete emergenza-urgenza fatta esclusivamente di tagli senza nessuna programmazione seria e attenta del territorio soprattutto nel medio ed alto vastese dove emerge un comprensorio gravemente penalizzato.
Sulla questione sono intervenuti anche i sindaci di Cupello e Monteodorisio, Manuele Marcovecchio e Saverio Di Giacomo.  
“La paventata chiusura della guardia medica di Cupello, funzionale anche alle esigenze della vicina Monteodorisio, costituisce motivo di forte preoccupazione per le nostre Comunità.
La sua eliminazione -hanno dichiarato i due sindaci- costituirebbe, infatti, una irragionevole compressione del diritto alla salute dei nostri cittadini, soprattutto per i più deboli e per quanti hanno difficoltà nello spostamento.
La guardia medica, infatti, da sempre rappresenta un presidio sanitario essenziale e strategico; dubitiamo peraltro che tale, penalizzante, riorganizzazione del servizio possa recare effettivi benefici economici alla Regione.
Invitiamo, quindi, la Direzione Generale della ASL a soprassedere all’attuazione di tale provvedimento, mantenendo invariata la presenza della guardia medica nelle nostra realtà, dove – è bene ricordarlo – vivono circa 8000 persone.
L’argomento sarà oggetto di discussione nei Consigli Comunali che, in via d’urgenza, saranno convocati nei prossimi giorni; nel contempo, chiediamo un incontro urgente all’Assessore Silvio Paolucci su tale delicatissima questione.
La replica del partito democratico non è mancata a riguardo.  «La caccia alla visibilità di qualche consigliere regionale -dichiarano la segretaria provinciale Chiara Zappalorto e il segretario del vastese Gennaro Luciano –   mostra una vitalità e un attivismo che avremmo voluto vedere anche durante i 5 anni e mezzo nei quali hanno guidato l’Abruzzo.  Un anno di lavoro per raddoppiare le postazioni di emergenza-urgenza in provincia di Chieti. 
E’ questo il segnale di attenzione al territorio che è arrivato dalla Regione Abruzzo, grazie all’ottimo lavoro dell’assessore Silvio Paolucci. Quattordici mesi dopo l’insediamento del nuovo assessore regionale alla Sanità, nel vastese sono 6 le postazioni per la rete dell’emergenza-urgenza: San Salvo h 24; Gissi h 24, Castiglione Messer Marino h 24, Carunchio h 12 diurno, Torrebruna h 12 notturno. A Celenza sul Trigno c’è un’ automedica h 24. Quello della rete dell’emergenza urgenza è il primo tassello sul quale costruire l’architettura solida della nuova sanità abruzzese -concludono Zappalorto e Luciano che pungono anche l’opposizione di centrodestra».     redazione@vastoweb.com

Più informazioni su