vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Studente vastese ammesso al Corso di Medicina dopo il ricorso straordinario al Capo dello Stato

Più informazioni su

VASTO. Anche nel vastese, un giovane aspirante medico ottiene la pronuncia del Consiglio di Stato per essere ammesso al corso di laurea in medicina. 

La vicenda si inserisce nel solco più ampio di un filone di ricorsi formulati in tutta Italia dagli studenti per l’ingresso al corso universitario di medicina.

Lo studente in questione aveva partecipato alla prova di selezione obbligatoria relativa all’anno accademico 2014/2015, per l’ammissione ai corsi di Laurea della facoltà di Medicina e Chirurgia presso l’Università Tor Vergata.

A seguito della prova, lo stesso studente non era stato però ammesso all’iscrizione in quanto classificatosi nella graduatoria di merito in posizione non utile rispetto ai contingenti numerici prefissati.

Varie e diffuse, d’altro canto, erano state le irregolarità che si erano manifestate durante la prova: in particolare modo in relazione all’anonimato.

Per tale motivo, conferito incarico ad un legale (l’Avv. Sergio Lapenna del Foro di Vasto), il giovane aspirante medico ha chiesto al Presidente della Repubblica la verifica straordinaria del concorso.

A seguito della travagliata procedura, in cui hanno partecipato anche l’Università ed il Ministero dell’Istruzione (MUIR), il giovane studente ha ottenuto, con decreto che in questi casi la legge richiede venga emesso dal Consiglio di Stato, l’inserimento retroattivo nel corso di laurea.

Soddisfatti si dichiarano il giovane studente ed il proprio legale. Quest’ultimo ha osservato come in Italia, nonostante le numerose proposte legislative volte ad eliminare definitivamente la prova selettiva, l’ingresso alla facoltà di medicina rimane un vero e proprio anacronismo limitativo delle aspirazioni dei giovani medici.

redazione@vastoweb.com

Più informazioni su