vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Vasto Marina, una discarica a cielo aperto. L’indignazione dei bagnanti

Più informazioni su

VASTO. Sempre più numerose le lamentele dei turisti e dei cittadini vastesi a proposito dell‘inquinamento della costa di Vasto. Preoccupazione e indignazione regnano sovrani, dal momento che in riva al mare è possibile trovare qualsiasi tipo di rifiuto. Questa mattina, in particolare nei pressi dell’ Hotel Sabrina, si sono arenati pezzi di plastica dalla forma indefinita, bottiglie accartocciate, buste, cartoni del latte, una scarpa corrosa dal sale e persino l’inquietante testa di una bambola. Nei giorni passati alcuni bagnanti hanno trovato invece degli assorbenti e dei profilattici utilizzati. A preoccupare di più le famiglie sono tuttavia i rifiuti pericolosi: siringhe e fialette di vetro in primis. Abbiamo ascoltato alcuni turisti che, arrabbiati, ci hanno rivelato le loro sensazioni.

Sono seriamente preoccupata per i miei figli, solitamente li lascio giocare con la sabbia in riva al mare, ma quest’anno ho paura. – Mentre parlavamo, la signora, una cittadina di Vasto, ci ha mostrato una fialetta di vetro marrone ancora intera, contenente del liquido. La fialetta era vicina al punto in cui la sua bimba di pochi anni stava giocando. – E’ ora che chi comanda faccia qualcosa, ne va della sicurezza di tutti noi e della bellezza della nostra città“.

Io vengo da Roma e non vado al mare ad Ostia perché lì le spiagge sono esattamente come è ora quella di Vasto. Sono scandalizzata, non avrei mai immaginato di trovare una situazione del genere. Spero tanto che la vostra nuova amministrazione faccia qualcosa per risolvere il problema!”

E poi ancora, un signore di Isernia: “Mai vista la spiaggia di Vasto in queste condizioni. In riva al mare compare di tutto. E’ impossibile persino fare una passeggiata“.

Tuttavia ad essere arrabbiati non sono solamente i bagnanti, ma anche gli albergatori che da una spiaggia pulita traggono il loro maggior profitto. Mario Baiocco, proprietario dell’Hotel Sabrina, si è espresso così: “Sono profondamente adirato, questa mattina ho cercato di ripulire con il rastrello almeno la riva corrispondente allo spazio occupato dai miei ombrelloni. Il tema della pulizia delle spiagge deve essere di interesse universale, a prescindere da chi è al governo della città. Io sono a disposizione per qualsiasi iniziativa che abbia a cura il problema“.

Ci auguriamo, a nome della cittadinanza e di tutti i turisti che da anni frequentano le nostre spiagge, che presto ci si attivi al fine di ripulire il litorale vastese. La speranza è che anche i responsabili dell’inquinamento del mare, e quindi della spiaggia, siano individuati e puniti.

 

Guarda la fotogallery:

Più informazioni su