vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Pd Vastese, regionale e provinciale: impegnati per la salute dei cittadini

Più informazioni su

VASTO. In una nota il Coordinamento Pd del Vastese ricorda che nel corso di uno degli ultimi consigli comunali di Vasto, alla presenza del presidente della Regione, Luciano D’Alfonso e dell’Assessore Regionale alla Sanità, Silvio Paolucci, il consiglio comunale ha impegnato il sindaco Francesco Menna a richiedere un miglioramento dei servizi dell’ospedale di Vasto, potenziando il Pronto Soccorso, attrezzature e personale, il reparto del materno infantile, il NOD di Vasto e San Salvo, il Servizio di Emodialisi turistico.

“Nel citato odg si impegna il Sindaco anche per la sistemazione della nuova TAC, per la realizzazione della Sala di Emodinamica, per garantire le funzioni di geriatria e nefrologia.

Tutto questo non a caso alla presenza di D’Alfonso e Paolucci, i quali, a loro volta, si sono resi sensibili e si sono fatti carico delle esigenze della sanità di una delle grandi aree della regione.

Sarà un lavoro costante ed incessante che va a proseguire quanto qui fatto ad iniziare dai fondi per il nuovo presidio ospedaliero di Vasto, i quali sono stati trovati dal ministero su proposta della Regione.

Quindi un nuovo polo per andare a migliorare i servizi sanitari.

Inoltre le postazioni di 118 sono state aumentate, per andare a potenziare, secondo quanto prevede la legge, h24 la rete di emergenza/urgenza.

Bisogna sottolineare questo fatto: in alcuni casi non si sarebbe avuta la copertura h24 ma solo parziale, ma con le postazioni di 118 la copertura è diventata totale, ossia di 24 ore su 24.

Inoltre si è implementata la lungodegenza.

Il Pd del Vastese, unitamente a quello provinciale e regionale-conclude la nota- si impegnano da sempre in questa tematica fondamentale per la salute dei cittadini, andando a trovare soluzioni da quanto deciso da passate legislature, in quanto molte decisioni attuali devono essere adeguate a normative già esistenti”.

 

                                                                 

Più informazioni su