vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Disservizi per le visite mediche: “Siamo al turismo sanitario”

Più informazioni su

VASTO. Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di una signora che denuncia la difficoltà  nelle effettuare i controlli di routine nel vastese e nel chietino.

“Risiedo a Vasto da poco più di un anno dove mi sona trasferita dopo aver accertato la presenza di un’unità ospedaliera comprendente i reparti relativi a patologie da cui sono affetta. Ho avuto un infarto ventricolare anteriore sx e un carcinoma vescicale con cistectomia radicale. Data l’età (80 anni) soffro anche di altri disturbi vari.

L’anno scorso in luglio ho prenotato per una ecografia addominale che devo effettuare periodicamente (6/12mesi) che mi è stata programmata per il 28 dicembre 2018 (2 anni e mezzo).

Ho naturalmente dovuto chiedere al medico di inserire una priorità. Da Vasto all’ospedale di Gissi.

In questo periodo devo ricominciare i controlli: esofagogastroduodenoscopia a Lanciano. Nuova eco addome a Gissi. Visita di gastroenterologia a Ortona. Oggi telefono per una RM rachide lombosacrale e cervicale e mi propongono Chieti.

Siamo al “turismo sanitario“.

Mio marito – mio coetaneo e anche lui con problemi – è costretto ogni volta ad accompagnarmi in auto, oltretutto con costi che dovrebbero a questo punto essere sostenuti dal SSN. Ora per l’ultima prenotazione per la quale ho rifiutato Chieti, chiedo che venga fissata in tempi accettabili a Vasto, informandovi che ove questa non venisse così predisposta, mi rivolgerò ad un legale per iniziare un’azione nei confronti di chi (Ministero della Salute o ASL2Abruzzo) venga ritenuto responsabile della inadeguatezza del servizio. Non è pensabile che si possa giocare in questo modo con la salute dei cittadini.”

Più informazioni su