vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Consorzio di bonifica, Pepe: contenziosi eccessivi a livelli quasi insostenibili foto

Più informazioni su

VASTO. “Bene ha fatto il Commissario Amicone – ha dichiarato questa mattina l’assessore regionale Pepe in conferenza stampa al Consorzio di bonifica sud- ad affidare all’’Università di Ancona l’elaborazione della due diligence che potesse definire nel dettaglio in maniera puntuale la situazione di bilancio di questo Consorzio. La nota ufficiale emessa dall’Università con la  quale si evince che il disavanzo fosse nel 2015 di 19 milioni di euro e nel 2016 di 18 milioni di euro e ci auguriamo che nel bilancio di previsione del 2017 possa arrivare a 15  evidentemente quel dato, 19 milioni di euro di disavanzo, è lì a testimoniare che forse qualcosa non è andato. Da questo punto di vista dobbiamo essere tutti consapevoli e responsabili  e quindi attivare tutta una serie di azioni e di politiche che possano invertire questa politica che porta solo esclusivamente danno al settore agricolo. Abbiamo provveduto immediatamente al commissariamento del Consorzio perché le condizioni ci hanno portato a nominare la Consulta e iniziare un percorso di risanamento non semplice. C’è stata la vicenda, un anno e mezzo fa, dell’aumento del 57% delle tariffe. Un aumento quasi insostenibile per il mondo agricolo. La Regione Abruzzo ha cercato aiutare questo processo e nel bilancio scorso è stato messo un contributo straordinario di 500 mila euro proprio per cercare di alleviare le sofferenze del mondo agricolo. In questi tre anni questo è l’unico contributo messo a disposizione dei consorzi di bonifica. C’è la necessità di fare un aggiornamento del piano di classifica. Dal 2009 al 2017 non è stato fatto uno nuovo. Il Consorzio di Bonifica  deve sviluppare delle azioni che possono portare a dei redditi. L’idroelettrico può essere un’opportunità per questo consorzio.  Il Consorzio ha un patrimonio importante che deve essere valorizzato e in alcuni casi anche ceduto, dove ci sono le condizioni per farlo. Per la diga di Chiauci oltre a 500 mila euro la Regione Abruzzo ha messo a disposizione 15 milioni di euro e poi ci sono 10 milioni del Molise per completare quella infrastruttura. Altro dato importante è il contenzioso eccessivo ed elevato. Non è possibile che il contenzioso arrivi a livelli quasi insostenibili per il bilancio di questo ente. Abbiamo litigato con tutti. Dobbiamo assumerci delle responsabilità per dare delle risposte al mondo agricolo. E sulla perdita di finanziamenti Pepe ha concluso- ma come è possibile che finanziamenti assegnati vengano poi revocati . Qui ci sono delle responsabilità importanti verso il mondo agricolo”.

pepe

Più informazioni su