vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Menna: “Non è stato il Comune ad abolire i voucher, nessuna presa in giro”

Più informazioni su

VASTO. Ci sono argomenti, come questo, su cui non si può scadere nella polemica politica, generando allarme e false aspettative. Proprio per rispetto dei 393 concittadini che hanno presentato domanda di buoni voucher, il consigliere Suriani avrebbe dovuto risparmiarsi le strumentalizzazioni delle ultime ore.” Il Sindaco di Vasto Francesco Menna replica al consigliere comunale Vincenzo Suriani che, in articolo apparso sulle pagine de “Il Centro”, ha parlato di “presa in giro” nei confronti di quanti, nei mesi scorsi, hanno presentato domanda di buoni lavoro voucher, una forma lavorativa che nel frattempo è stata abrogata dal governo nazionale.

Che questa Amministrazione abbia lavorato per regolamentare questa forma di lavoro accessorio è innegabile, così come è innegabile che non sia stato il Comune, per sua scelta, ad abolirla” ha dichiarato il primo cittadino che ribadisce come “l’impegno, assunto recentemente in Consiglio Comunale dall’Assessore Marchesani, resta valido e si concretizzerà nelle prossime settimane quando si procederà alla costituzione della commissione che dovrà stilare le graduatorie dei candidati, per le differenti tipologie previste”.

Allo stato attuale – ha proseguito – appare altamente improbabile che l’evoluzione normativa di questo tema molto delicato nel dibattito politico possa a breve portare ad una semplice riproposizione dei voucher nella forma che abbiamo conosciuto.”

Per quanto riguarda le risorse finanziarie inizialmente previste in bilancio, “esse sono state destinate comunque per assunzioni di personale, come quelle di quattro agenti di polizia municipale che andranno ad arricchire l’organico del corpo durante la stagione estiva, in ragione delle molteplici necessità di sicurezza, di presidio all’isola pedonale che sarà a breve istituita a Vasto Marina e al contrasto all’abusivismo commerciale. Una scelta reclamata a gran voce dall’opposizione che non credo voglia, ora, avversarla”.

Per quanto riguarda le altre reiterate polemiche – ha concluso – occorre tornare a precisare che il Rag. Racciatti non è un consulente finanziario ma un dipendente comunale che presta servizio nel nostro Comune in forza di convenzione con il comune di Guilmi. L’importo di euro 7.229 viene rimborsato al Comune di Guilmi. Nessun importo viene pagato a Racciatti. Altri 9.170 euro sono stati utilizzati per l’assunzione a staff della dott.ssa Zinni, per compensare il part-time di Angelo Pollutri. In ogni caso le somme erano già previste in bilancio e pertanto nessuna spesa aggiuntiva è stata prevista.

Più informazioni su