L'EU dà l'ok a Malta: passa il "Regolamento per le autorizzazioni dei giochi"

Attualità
Vasto venerdì 03 agosto 2018
di La Redazione
Slot machine
Slot machine © napoli.zon.it

Dopo i pareri dell’Unione Europea, della Finlandia e in ultimo della Polonia che aveva fatto slittare i tempi di circa un mese, il “Regolamento relativo alle autorizzazioni dei giochi” di Malta è passato.

Ma di cosa si tratta e perché è così importante?

Con il regolamento, che vale anche per quei portali che offrono giochi di casino come le slot online, si aggiornano le disposizioni relative alla gestione e alla regolamentazione dei servizi e prodotti per il gioco a Malta e provenienti da Malta, comprese le attività accessorie.

Forse non tutti sanno che a Malta l’online rappresenta in termini di fatturato la terza industria trainante del Paese. E il gioco occupa una grande fetta di questo comparto.

Nel 2017 il nuovo “Gambling Act”, presentato in Parlamento e approvato lo scorso 8 maggio ha elevato il profilo giurisdizionale di Malta rafforzando il ruolo di supervisione della MGA, il Malta Gaming Authority, e in particolare le sue funzioni di conformità e le applicazione degli obiettivi regolatori relativi alla lotta contro il riciclaggio di denaro e contro il finanziamento del terrorismo.

Temi cruciali quelli della legalità che subentrano ogni qualvolta si presenta un elevato giro di affari e un’ampia circolazione di liquidi.

Ed ecco che oggi è passato in maniera definitiva anche il nuovo progetto di legge maltese sul “Regolamento relativo alle autorizzazioni dei giochi, 2018”, che definisce la nuova struttura fiscale applicabile agli operatori di gioco.

La notizia è quindi importante perché non si tratta solo delle attività che hanno sede in Malta, ma concernendo l’online, anche di tutti quei servizi che da Malta partono. E ci riferiamo ad alcuni dei maggiori e più noti siti di gaming che normalmente utilizziamo anche qui in Italia.

Per farla breve, con il nuovo “Gambling act” e la regolamentazione che definisce la struttura fiscale delle attività sul e dal territorio, si sta cercando di rafforzare il livello di sicurezza e legalità di questo nuovo e complesso settore che come per la stragrande maggioranza delle attività on line, vedi l’e-commerce, la questione della proprietà dei diritti e tutti i temi concernenti la privacy su internet, non ha uno storico in termini di legislazione cui fare riferimento. Un tema questo che si potrebbe definire pionieristico ed estremamente delicato dato che ogni nuova legge o regolamento che nasce e che si applica al mondo digitale avrà inevitabilmente riflesso sulla vita reale di tutti i giorni.

Ecco perché notizie come queste ricoprono una certa importanza, anche per i non addetti.