“Il coraggio di Santa Barbara ricorda chi ogni giorno serve la comunità”

La celebrazione della festività nella Concattedrale di San Giuseppe

Attualità
Vasto mercoledì 04 dicembre 2019
di Lea Di Scipio
“Il coraggio di Santa Barbara ricorda chi ogni giorno serve la comunità”
“Il coraggio di Santa Barbara ricorda chi ogni giorno serve la comunità” © vastoweb.com

VASTO. Gli uomini e le donne della Guardia Costiera, dei Vigili del Fuoco, della Guardia di Finanza e delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma si sono dati appuntamento anche quest'anno per celebrare insieme Santa Barbara, la loro protettrice.

La cerimonia si è svolta presso la Concattedrale di San Giuseppe in pieno centro a Vasto ed è stata officiata da don Gianfranco Travaglini e don Gianni Sciorra.

Tra i banchi il sindaco di Vasto Francesco Menna, gli assessore Giuseppe Forte e Luigi Marcello, il presidente del Tribunale di Vasto Guido Giangiacomo e il vice sindaco di San Salvo Maria Travaglini.

“Questa Santa venne scelta come protettrice dei pompieri, artificieri e marinai perché secondo la tradizione morì Martire nel 306 d.C., dopo essersi ribellata al divieto del padre che non voleva si consacrasse a Dio. Discoro non accettava la sua conversione al cristianesimo e per questo la rinchiuse in una torre in cui ad un certo punto scoppiò un incendio, cui Barbara rimase incolume. Poi però venne condannata a morte e decapitata dallo stesso padre”, questo il racconto di don Gianfranco che ha ricordato la storia della Santa. Poi conclude: l'intercessione di Santa Barbara viene richiesta per il suo coraggio nell’essere vissuta nella fede affrontando il pericolo. Ecco perché è la protettrice di queste forze militari. Il vostro – afferma don Gianfranco rivolgendosi ai presenti - non è un lavoro ma un servizio, una missione che non è finalizzata solo a guadagnarsi da vivere per sostenere la propria famiglia, ma è volta a difendere un'intera comunità dai pericoli. Essere generosi e sacrificarsi non è per perdenti. Chi invece non si impegna nella propria vita la perde perché rimane solo e infelice”.

Dopo la lettura della poesia del Marinaio e dei Vigili del Fuoco, il comandante della Guardia Costiera del porto di Vasto Francesca Perfido è salita sull'altare per condividere la sua riflessione: “Questo è un momento di raccoglimento che rafforza la nostra fede di uomini e donne di mare e al contempo alimenta il nostro senso di appartenenza alla forza armata e allo stato che serviamo con onore e abnegazione. Il 4 dicembre è stato sempre un momento di condivisa riflessione sull' operato svolto, un bilancio fatto non di cifre né di traguardi raggiunti, ma di sentimenti e di valori cui ispirare il proprio io di persona e di istituzione E consentitemi per ultimo di fare un ringraziamento al mio equipaggio con cui condivido ormai gran parte della giornata e che mi supportano con spirito di sacrificio, lealtà e dedizione. Un sincero ringraziamento anche alle loro famiglie che con silente pazienza e attiva partecipazione condividono lo stile di vita che il nostro status di militare richiede”.

Al termine della cerimonia i Vigili del Fuoco non hanno svolto la consueta simulazione di intervento nei momenti di emergenza per rispetto ai tragici fatti di Alessandria in cui hanno perso la vita 3 uomini.

GUARDA I VIDEO: