Sevel, sempre più pendolari in piedi oppure costretti ai propri mezzi

La tratta della discordia

Attualità
Vasto martedì 18 febbraio 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Il pullman per la Sevel
Il pullman per la Sevel © TermoliOnLine

ATESSA. Anche ieri sera abbiamo assistito direttamente a quella che possiamo considerare e annoverare come una continua odissea: il trasporto degli operai pendolari allo stabilimento Sevel. Quello che, pagando regolarmente abbonamento o biglietto, doveva essere un diritto acquisito, garantito dal servizio extraurbano di mobilità finanziato dalla Regione Molise, almeno in parte, si sta rivelando uno stillicidio e non solo per le condizioni di autobus che gli stessi passeggeri più volte hanno documentato, col supporto delle organizzazioni sindacali del settore metalmeccanico e quello dei trasporti.

Il braccio di ferro che ormai non si riesce a porre termine, nonostante vertici prefettizi, crea disagi ai lavoratori che sono già costretti a viaggiare lontano da casa per entrare in turno.

«Continua l'odissea Atm, anche lunedì sera parecchi sono i dipendenti Sevel che sono costretti a viaggiare con i propri mezzi nonostante gli abbonamenti. Parecchie persone hanno deciso di viaggiare in piedi fino alla fermata di Montenero al Costaverde per poi proseguire il viaggio con un altro pullman».