4 anni di squalifica a Iannone: "Mi hanno strappato il cuore, ma non mi arrendo"

Il pilota Vastese: "Oggi ho subito l'ingiustizia più grande"

Altri Sport
martedì 10 novembre 2020
di La Redazione
Più informazioni su
Andrea Iannone
Andrea Iannone © Personale

VASTO. "Oggi ho subito la più grande ingiustizia che potessi ricevere. Mi hanno strappato il cuore separandomi dal mio grande amore".

Andrea Iannone, via Instagram, ha commentato così lo stop di 4 anni deciso dal Tas per doping. "Le motivazioni sono prive di senso logico e con dati di fatto sbagliati. Per questo ci sarà luogo e tempo opportuni... perché di certo non mi arrendo" promette il pilota della MotoGp.

"Sapevo di affrontare i poteri forti, ma speravo. Speravo nell'onestà intellettuale e nell'affermazione della giustizia - prosegue Iannone - In questo momento soffro come di più non potrei. Ma chi ha cercato di distruggere la mia vita, presto capirà quanta forza ho dentro il cuore. La forza dell'innocenza e soprattutto... la coscienza pulita. Una sentenza può modificare gli eventi, ma non l'uomo". (FONTE ANSA).