vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Gianluca, l'ultimo saluto. Il parroco ai giovani: "Riflettete sulla vita"

Più informazioni su

MONTEODORISIO – Un paese in lutto. La chiesa di San Giovanni Battista è troppo piccola per contenere la folla. Molti rimangono fuori, lungo la salita che porta all’ingresso. Ascoltano dai megafoni le parole del parroco, don Nicola Antonini. Vogliono esserci per salutare per l’ultima volta Gianluca D’Agostino, morto a 17 anni nel tragico incidente stradale di sabato scorso alle porte del paese. Un impatto fatale tra il suo motorino e la Mercedes di un amico di vent’anni. Tornavano da una festa di compleanno. La vita di Gianluca si è spezzata sull’asfalto, dopo aver battuto la testa sul cordolo del marciapiede, a due passi da casa. Vogliono esserci tutti: non solo la popolazione di un paese che si stringe attorno a papà Franco e mamma Marilena, ma anche tante persone venute da fuori. Molti ragazzi. Sono amici e compagni di scuola dell’Istituto professionale dei Salesiani. Il loro direttore, don Francesco Labarile, presiede la celebrazione. Alcuni amici tengono una bandiera nerazzurra: il cuore di Gianluca era diviso tra l’Inter e la squadra di calcio di Monteodorisio. C’è chi racconta di averci parlato proprio una manciata di ore prima della disgrazia. Lo definiscono “solare”, “un ragazzo modello” e ricordano quanta allegria avesse trasmesso ai suoi amici in quella festa di compleanno. L’ultima volta in cui l’hanno visto. E’ a loro, ai giovani, che don Nicola rivolge un monito: “Siamo qui per riflettere. Tanti di voi che hanno la stessa età di Gianluca, che si affacciano alla vita, riflettano sul significato della vita stessa”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su