vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Taglio consiglieri provinciali, Psi: squallido sbilanciamento contro Vasto

Più informazioni su

VASTO – “Uno squallido sbilanciamento del potere politico-amministrativo”. E’ un commento duro, quello del Psi alla proposta di ripartizione dei collegi elettorali avanzata dalla Provincia di Chieti. A partire dalle prossime elezioni (scadenza naturale del mandato è il 2014) il Consiglio provinciale perderà 6 consiglieri. Tre di questi potrebbero essere tagliati proprio nel Vastese. Nella polemica già aspra si inseriscono i socialisti, che esprimo “dubbi e perplessità sulla proposta di ripartizione dei collegi provinciali. “La legge – afferma Antonio Tiziano Vicoli, segretario provinciale del Psi – stabilisce anche dei criteri per la nuova ripartizione dei collegi e cioè: consistenza demografica, omogeneità strutturale e la contiguità territoriale.
Nella proposta adottata dall’attuale amministrazione di centro destra, i conti non tornano o meglio i collegi tagliati sono sempre sei, ma il rispetto dei criteri per la ripartizione dei collegi uninominali lascia un po’ a desiderare, svantaggiando notevolmente i Comuni dell’entroterra e il territorio vastese, che pur rappresentando 1/3 della Provincia, passa da 9 a 6 collegi uninominali. Il Vastese con questa nuova ripartizione potrà contare solo su 6 consiglieri provinciali, mentre il resto della Provincia esprimerebbe i restanti 18 consiglieri. Uno squallido sbilanciamento del potere politico amministrativo verso il Chietino e la zona costiera”. Nei giorni scorsi il sindaco di Vasto, Luciano Lapenna, ha anche indirizzato una lettera al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per chiedere la revisione della ripartizione territoriale. E’ il capo dello Stato, infatti, che deve firmare il relativo decreto. 

micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su