vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Tragico incidente, muore una donna. Il sindaco: "In auto andava piano"

Più informazioni su

TORINO DI SANGRO – “In macchina andava piano”, racconta il sindaco di Torino di Sangro, Domenicantonio Pace. In paese la morte di Doretta Micolucci ha lasciato tutti increduli. “Era una donna molto riservata e umile. Dopo la morte del marito, da sola aveva tirato su i due figli”, uno dei quali è consigliere comunale di maggioranza: Mario Aramini, 42 anni. Nessuno riesce a credere che possa essere successo proprio a lei di perdere la vita in uno schianto sulla Statale 16, vicino alla cantina sociale di Casalbordino. “Andava piano. In macchina era molto prudente”, ripete il sindaco. Secondo i vigili del fuoco di Vasto, la Fiat Uno della donna ha subito prima un tamponamento e poi un frontale. Si è ribaltata. Per Doretta Micolucci non c’è stata possibilità di salvezza. Domattina, all’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto, l’autopsia disposta dalla magistratura vastese. Poi la restituzione della salma alla famiglia per i funerali che dovrebbero svolgersi domani pomeriggio nella chiesa della Madonna di Loreto, a Torino di Sangro.

L’incidente di ieri. L’auto che si ribalta su se stessa. Per la donna che la stava guidando non c’è niente da fare. E’ morta sul colpo Doretta Micolucci, 64 anni, badante di Torino di Sangro. Ha perso la vita in un attimo, in un violentissimo schianto sulla Statale 16 a Casalbordino, dove si sono fracassate la sua Fiat “Uno”, un’Alfa 147 e una Peugeot 306. I due conducenti sono rimasti feriti: D.D., 29 anni, residente a San Salvo, e C.E., 45, di Roccaspinalveti. Sono ricoverati all’ospedale San Pio da Pietrelcina di Vasto.

Il fatto è accaduto dopo le 17 nel tratto che costeggia la cantina sociale di Casalbordino. La dinamica rimane incerta. L’auto di Doretta Micolucci si è rovesciata. Il tettuccio sull’asfalto e le ruote in aria. Un impatto che non la lasciato scampo alla sfortunata donna. Ai soccorritori giunti sul luogo dell’incidente non è rimasto altro da fare, se non constatare la morte della sessantaquattrenne, che viaggiava verso Vasto.

L’accertamento delle cause del drammatico scontro è affidato alla polizia stradale che, in collaborazione con la polizia municipale, ha disposto la chiusura al traffico per oltre tre ore dell’arteria adriatica per compiere i necessari rilievi e consentire ai vigili del fuoco di Vasto di estrarre il corpo senza vita della donna, su cui probabilmente la magistratura vastese disporrà la ricognizione cadaverica. Torna a macchiarsi di sangue il tratto della Statale 16 che corre parallelo al litorale di Casalbordino. Il 10 giugno del 2009 si era spezzata, a 31 anni, la vita di operaio vastese.

micheledannunzio@vastoweb.com

 

Più informazioni su