vastoweb.com - Portale di informazione su Vasto e Abruzzo. Commercio, Servizi, Turismo.

Elezioni 2011, Lapenna scioglie la riserva: "Parlerò all'assemblea Pd"

Più informazioni su

VASTO – “Sicuramente prenderò la parola”. Non dice altro Luciano Lapenna. Il sindaco di Vasto annuncia che parlerà all’assemblea del Partito democratico. E’ lì che, con molta probabilità scioglierà la riserva per annunciare se vuole ricandidarsi per chiedere, dunque, ai vastesi un secondo mandato alle elezioni della prossima primavera. Una cosa è certa: non gli piace la prospettiva di mettersi in competizione alle primarie con altri colleghi di partito, ad esempio Domenico Molino, che della sua Giunta è assessore alle Finanze e aspira ad essere candidato sindaco. Mentre Vincenzo Sputore ha messo i paletti: “Se c’è Lapenna, sostengo lui e non mi candido alle primarie”. La data della riunione del parlamentino del Pd è ancora da fissare. Inizialmente si era pensato a domenica, 5 dicembre. Ma la riunione slitterà per impedimenti personali e qualche appuntamento ufficiale fissato per la prossima settimana. “All’assemblea saranno convocate 270 persone. Ci riuniremo entro il 18 dicembre”, annuncia Forte.

Psi e Idv.  socialisti si guardano attorno. Formeranno una lista civica con cui si presenteranno ai nastri di partenza della prossima campagna elettorale, quella per il rinnovo di sindaco e Consiglio comunale di Vasto.

“Ci collochiamo per storia e scelta politica nell’ambito del centro sinistra – afferma il segretario, Luigi Rampa – ma siamo attenti anche al fermento politico di stampo civico che si è sviluppato in questi mesi e verso il quale non esprimiamo nessuna preclusione, riconoscendo che in parte” i movimenti civici “esprimono esigenze politiche ed amministrative vere. Abbiamo definito una alleanza politica che si presenterà alle prossime elezioni comunali con una lista propria. Siamo anche pronti, qualora perdurasse l’incertezza o la preclusione nelle scelte, ad esprimere una nostra candidatura alla carica di sindaco”.

Il Psi ha incontrato una delegazione vastese del movimento Democratici per Vasto, “rappresentati da esponenti già aderenti a Democratici per l’Abruzzo”.

I socialisti criticano il Partito democratico: “Non ci vuole molto – è il commento di Rampa – a capire che la situazione all’interno del Pd non è per nulla rose e fiori, anzi. Si litiga su tutto e tutti contro tutti”.

“Abbiamo preso atto del fatto che, nonostante le promesse di discussione e di confronto fatte dal Pd di Vasto (come lo svolgimento delle Primarie di coalizione, già annunciate oltre un mese fa, oggi rimesse in discussione dallo stesso Pd), ad oggi nessuna iniziativa di ricostituzione di una coalizione di centrosinistra è stata promossa”, conclude il segretario della Rosa.

Intanto, l’Italia dei valori stringe i tempi e, scaduto il termine del 30 novembre indicato dal segretario, Alfredo Bontempo, annuncia il candidato sindaco. Il nome verrà fatto sabato alle 11, in una conferenza stampa convocata nella sede del partito di Di Pietro, in Largo del Fanciullo, di fianco alla cattedrale di San Giuseppe.

Il Pd. “Agli alleati – replica Peppino Forte, segretario del Pd – chiedo di avere ancora qualche giorno di pazienza. Il Partito socialista ha chiesto le primarie di coalizione. Stiamo lavorando in questo senso. L’assemblea deciderà proprio su questo: sì o no alle primarie. Nei prossimi giorni, tra impedimenti personali e impegni istituzionali, non sarà possibile riunirla. Considerati i necessari tempi tecnici connessi alla convocazione di 270 persone, posso assicurare che ci riuniremo entro e non oltre il 18 dicembre”.

Michele D’Annunzio – micheledannunzio@vastoweb.com

Più informazioni su